Digitale Terrestre, nuovi canali in arrivo dal 3 gennaio: come prepararsi

Entrerà nel vivo a partire dal prossimo 3 gennaio il passaggio al nuovo digitale terrestre. Ecco come prepararsi 

Digitale Terrestre 3 gennaio modifiche
Digitale terrestre, come prepararsi in vista del 3 gennaio (Unsplash)

Qualche giorno fa abbiamo riportato la notizia delle nuove modifiche in arrivo dal prossimo 3 gennaio sul digitale terrestre. In particolare, a finire al centro dell’attenzione saranno i principali canali dell’emittente RAI, e cioè RAI 1, RAI 2, RAI 3 e RAI News 24, le cui nuove frequenze porteranno grossi miglioramenti in termini di qualità di trasmissione dell’immagine, grazie ai benefici della tecnologia Mpeg-4.

Le modifiche saranno scaglionate in varie regioni e prenderanno per l’appunto il via il 3 gennaio: a fare da apripista sarà la Sardegna e molte località del Nord Italia, per poi propagarsi anche al Centro e al Sud a partire da marzo. Come precisato dal Mise (Ministero dello sviluppo economico), l’operazione si concluderà auspicabilmente entro il 30 giugno.

Per effetto della riorganizzazione delle frequenze, occorrerà risintonizzare i televisori. E per chi non ha un TV o un decoder compatibile con l’alta definizione, sarà necessario comprarne uno nuovo, sfruttando anche gli incentivi governativi all’uopo previsti. In ogni caso, anche chi non ha un televisore in HD potrà continuare a vedere la TV con l’apparecchio già in possesso, tenuto conto che le emittenti avranno l’opportunità di trasmettere fino al 31 dicembre 2022 con i nuovi e vecchi standard.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> BlackBerry OS pronto ad andare in pensione, presto questi smartphone smetteranno di funzionare

Modifiche digitale terrestre 3 gennaio: cosa fare

Digitale Terrestre 3 gennaio modifiche
Digitale Terrestre, il calendario (Unsplash)

Come prepararsi al cosiddetto “refarming” in arrivo dal prossimo 3 gennaio? Per chi ha già acquistato un decoder o un televisore compatibile con lo standard DVB-T2, appare consigliabile risintonizzare la lista dei canali, così da avere la certezza di ricevere automaticamente tutte le novità.

Per chi ha invece dei dubbi e si chiede se si avranno problemi di ricezione del segnale sul proprio televisore a causa del cambio di codifica, esiste un modo semplice e veloce a portata di TV: sarà sufficiente provare a vedere i canali RAI 1 HD (raggiungibile digitando 501 sul telecomando) o Canale 5 HD (canale 505). Se il TV restituirà l’immagine audio e video, allora non ci saranno problemi in vista delle modifiche in arrivo tra pochi giorni, altrimenti sarà necessario cambiare il dispositivo utilizzato (televisore o decoder) acquistandone uno compatibile con la tecnologia DVB-T2. Il procedimento è molto semplice ed efficace, giacché i due canali appena richiamati sono già stati codificati per essere compatibili con il nuovo standard Mpeg-4.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Un ricco buono regalo Samsung da 600 euro? Macché, si tratta di una truffa!

Chiudiamo con un riepilogo sul calendario. Secondo la roadmap pubblicata dal Mise, la variazione delle frequenze dei canali RAI generalisti coinvolgerà fino al 2 marzo le seguenti regioni: Sardegna, Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Da marzo entreranno in gioco anche Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Marche: il procedimento si concluderà in questo caso il 15 maggio. Ultime ad essere interessate dal refarming saranno Lazio, Campania, Toscana, Umbria e Liguria nella forbice compresa tra maggio e giugno.