Dating online sì, ma in sicurezza: i consigli del garante per la privacy

Al giorno d’oggi, il dating online è sempre più diffuso. È però importante farlo in sicurezza, ecco alcuni consigli del garante per la privacy

L’emergenza pandemica non ha fatto altro che rendere ancor più chiacchierato un fenomeno già in rapida crescita. Stiamo parlando del dating online, con le diverse app e siti che hanno registrato numeri da capogiro (e continuano a farlo). Sempre più persone decidono di mettersi “in vetrina” per trovare il giusto partner.

app dating 20220215 cellulari.it
Il garante per la privacy ha fornito alcuni consigli legati all’utilizzo delle app di dating (Adobe Stock)

Ma è bene farlo in sicurezza. Anche siti apparentemente tranquilli, infatti, possono rappresentare una minaccia in merito alla privacy. Soprattutto se l’utente decide di condividere troppe informazioni personali. A tal proposito, il Garante per la protezione dei dati personali ha fornito una serie di consigli utili a riguardo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung, di smartphone in smartphone: in arrivo il Galaxy A23. Dopo il design, ecco le caratteristiche

Dating online, i consigli per proteggere la privacy

app dating 20220215 cellulari.it
Ecco come comportarsi per non mettere a repentaglio la propria incolumità in rete (Adobe Stock)

Diversi i consigli forniti dal garante per la privacy in merito alle app di dating online. In primo luogo, sarebbe bene utilizzare un nickname ed un indirizzo email diverso da quello abituale, possibilmente senza né nome né cognome. Andrebbe poi evitata l’iscrizione tramite profili social, così da non condividere dati aggiuntivi. Discorso simile per immagini e video pubblicati, che un malintenzionato potrebbe prendere per poi utilizzare in attività illecite. Si parla sempre più spesso di sextortion, revenge porn e deep nude, alcune delle pratiche più pericolose in questo senso.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Resilienza Huawei: sviluppa una fotocamera 3D per la cura del viso e della pelle

Tra gli altri accorgimenti, non memorizzate dati legati a sistemi di pagamento vari e carte di credito. Sarebbe meglio inserire password il più sicure possibili, possibilmente da cambiare spesso e con caratteri distinti tra di loro. Se possibile, anche l’autenticazione a due fattori può aiutare. Se poi si decide di non utilizzare più un determinato servizio, è sempre meglio cancellare il proprio account personale e tutti i dati connessi ad esso.