Cryptolocker: ecco come difendersi dal virus delle email

In arrivo la seconda ondata del letale Cryptolocker, un virus molto insidioso in quanto una volta installato, cripta il contenuto del Pc e lo rende di fatto inutilizzabile.

In arrivo la seconda ondata del letale Cryptolocker, un virus molto insidioso in quanto una volta installato, cripta il contenuto del Pc e lo rende di fatto inutilizzabile.

Dopo la prima ondata, che ha generato notevoli danni, la seconda ondata è in arrivo in tutta Europa.

La sua diffusione si deve al fatto che viene veicolato mediante false email di fatture, telegrammi e pagamenti, che spesso inducono anche gli utenti più esperti, ad errore di interpretazione.

Capita spesso di ricevere email con oggetti come “Fattura XX” oppure “Avviso di bonifico”, con email contenenti il famigerato virus Cryptolocker.

Come potete immaginare dal nome, Cryptolocker cripta il Pc e richiede poi un riscatto per poter liberare il tutto. Il riscatto, come già segnalato da altri utenti, spesso non risolve il problema in quanto i dati restano illeggibili.

Ad essere colpiti soprattutto gli studi professionali, come commercialisti, notai e agenzie immobiliari.

Per difendersi da questo insidioso virus, bisogna tenere a mente alcune precauzioni ovvero:

1) Antivirus aggiornato

Un antivirus aggiornato è indispensabile per mantenere elevate le barriere protettive, potendo cosi intercettare gran parte de problemi.

2) Email sospette

Attenzione alle email sospette: prima di aprire una email o scaricare l’allegato, leggete il contenuto della email e valutare se è qualcosa che vi aspettavate di ricevere.
Se non avete fatture in arrivo, l’email che include una fattura sarà quasi sicuramente un virus.

3) Controllo degli allegati

Se l’email vi sembra corretta, non aprite mai direttamente gli allegati dall’email ma scaricateli prima sul Pc in modo che l’antivirus possa intercettare e bloccare eventuali virus.

4) Backup dei dati

A prescindere dai virus, sarebbe opportuno procedere ad un backup dei dati mensile, settimanale o giornaliero, a seconda delle vostre esigenze, per evitare di perdere tutti i dati a causa di un virus o di un semplice blackout o temporale.

5) Formazione

Spesso molti lavoratori si trovano in difficoltà anche nell’eseguire le più elementare operazioni con il Pc. Un corso di aggiornamento e formazione sull’utilizzo del PC, fornisce una buona base culturale oltre a velocizzare anche l’utilizzo dello stesso.