Covid e tracciamento, arriva su iPhone 6 con iOS 12.5

Il nuovo aggiornamento di casa Apple è arrivato. iOS 12.5 permette anche all’iPhone 6 di poter tenere traccia dei casi positivi di Covid 

Gli Ipad e gli IPhone con sistema operativo vecchio, potrebbero essere compatibili al tracciamento Covid grazie l’ultimo aggiornamento IOS 12.5. L’ultimo risale al 5 novembre, nello specifico la versione 12.4.9. Oltretutto Apple sta preparando l’aggiornamento di IOS 13, per risolvere i bug fix.

Quindi saranno disponibili API (Application programming interface), un insieme di procedure atte all’espletamento di un dato compito per il tracciamento per il Coronavirus. Queste non sono altro che il fulcro dell’applicazione per la catalogazione dei dati del contagio.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> App, un uomo le spia per capire cosa reperiscono dagli utenti

Covid ed iOS 12.5, ora il tracciamento è possibile anche con i device datati

Covid
Covid tracciamento (pixabay)

Applicazione scelta dall’Italia con Immuni, la quale aiuta ad evitare la diffusione di nuovi contagi di COVID-19 e creare dunque nuovi focolai. Vengono scambiate informazioni tramite Bluetooth per poter individuare i casi positivi, anche in altri paesi europei. Inoltre da poco è arrivata anche un’app dedicata a questo servizio negli Stati Uniti, più precisamente in California.

L’aggiornamento del sistema è iOS 12.5, indicato negli strumenti dedicati agli sviluppatori proprio per la notifica delle esposizione. Si può trovare questo riferimento anche nella documentazione per la classe ENManager. A parlarne è lo sviluppatore Florent Morin, il quale fa notare nelle API anche riferimenti a questa versione di IOS. Tuttavia ci sono degli appunti da fare.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Apple e Google no alla vendita dei dati degli utenti

Mentre negli iPhone 5S si trova il bluetooth 4.0, negli iPhone 6 e 6S il bluetooth è disponibile nella versione 4.2. Nella versione 4.1, cioè quella standard, vi è una limitazione che va a correggere il rumore del 4G. Per cui diventa più semplice il tracciamento ed evita i falsi positivi. Per questo motivo ora sta ad Apple decidere se procedere o meno con questo miglioramento anche in iPhone di vecchia generazione, essendo essi ancora molto diffusi.