Covid, aumentati esponenzialmente gli attacchi informatici: i dati del Clusit

Secondo un rapporto del Clusit, gli attacchi informatici sarebbero aumentati esponenzialmente durante l’emergenza Covid

Da ormai diversi mesi, l’emergenza Covid ha irrimediabilmente sconvolto e stravolto la vita di tutti. Sono cambiate le abitudini e, a causa dei numeri in continuo aumento, i vari governi nazionali stanno continuando a varare nuove restrizioni per tentare di rallentare la curva epidemiologica. L’obiettivo è quello di resistere fino al vaccino, il quale sembra essere sempre più vicino.

Tra i vari campi ad aver subito le conseguenze della pandemia, c’è anche la cybersicurezza. Secondo quanto riferisce l’ultimo rapporto del Clusit – l’Associazione Italiana per la sicurezza informatica – degli 850 attacchi su scala globale avvenuti nel primo semestre 2020, ben 119 sono riferibili al tema Coronavirus. Di questi, circa il 61% sarebbe legato a campagne di phishing via email, in associazione ai malware (21% el totale).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vodafone, 3G interrotto in tantissime città: la lista completa

Covid, molti attacchi informatici legati alla pandemia: i dati

covid attacchi informatici
I dati del Clusit a riguardo (AdobeStock)

Come riferisce il Clusit col suo ultimo rapporto, molti degli attacchi informatici del primo semestre del 2020 sono strettamente legati all’emergenza Covid. Del totale, il 64% delle vittime rientrerebbe nella categoria “target multipli”, ossia attacchi strutturati per attaccare in parallelo un numero molto ampio di persone ed organizzazioni. C’è anche un 11% legato al sistema sanitario, mentre il 12% dei cyber-attacchi è collegabile a bersagli governativi. Oltre a questo, l’Associazione Italiana per la sicurezza informatica si è concentrata molto anche sul tema delle fake news, aumentate esponenzialmente durante il periodo di pandemia.

I mesi tragici di questi mesi hanno dato il via ad una rivoluzione. Il digitale ha completamente stravolto l’organizzazione delle imprese e la vita dei cittadini, perciò la sicurezza digitale diventa più importante che mai” fa sapere Gabriele Faggioli, presidente del Clusit: “Bisogna investire nella ricerca e nell’innovazione, per rendere più consapevoli i cittadini delle varie minacce alle quali ogni giorno vanno incontro“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Apple, MacOS Big Sur: annunciato nuovo sistema operativo