Covid-19 a Singapore, grazie ad un app la polizia controlla gli utenti

La polizia di Singapore ha avuto il via libera per riuscire a tenere sotto controllo gli utenti. Grazie ad un’app sono in grado di tener traccia per combattere il Covid-19 

Covid-19 Trace Together
Covid-19 Trace Together (screenshot YouTube)

È delle ultime ore la notizia che la polizia di Singapore ha avuto l’ok per utilizzare i dati raccolti dall’app Trace Together per utilizzarli durante le loro indagini contro il Covid-19. In questo modo, tuttavia, si fa un passo indietro riguardo la privacy che il sistema deve offrire.

Secondo i dati raccolti dalla BBC, si tratta di circa l 80% dei residenti iscritti al programma. Le autorità di Singapore, al fine di incoraggiare tutti gli utenti ad utilizzare il sistema, hanno dato la loro parola riguardo la tutela dei dati. Questi infatti non sono mai stati utilizzati per nessun altro tipo di scopo diverso dal tracciamento del coronavirus.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> App più scaricata del 2020, qual è la numero uno su Android e iOS

Covid-19 ed il controllo della polizia in Singapore

Covid-19 Trace Together
Covid-19 Trace Together (screenshot YouTube)

Nonostante questa promessa, ieri il Ministro degli Interni Desmond Tan all’interno del parlamento, ha riferito che questo sistema può anche essere utilizzato a fini di indagine penaleQuesta è stata una notizia che ha scatenato numerose polemiche sui social media, ha visto numerosi pareri contro il governo. Infatti numerosi sono stati gli utenti che hanno affermato di aver cancellato l’app in questione.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Quali sono gli smartphone più resistenti del 2020? La risposta di JerryRigEverything

Per chi non lo sapesse, Trace Together basa le sue funzioni sull’utilizzo del bluetooth e su un modello centralizzato in cui i dati di tutti i cittadini vengono elaborati utilizzando un server centrale. Si tratta della stessa funzione da seguire per l’app italiana Immuni, ma poi ha scelto un modello decentralizzato in cui i dati di ogni utente vengono conservati sul telefono. Singapore è stata la prima città che ha utilizzato il sistema di contact tracing, utilizzato già a marzo. Successivamente ha anche rilasciato un token sfruttato anche per facilitare il ritorno a scuola.