Come revocare il consenso fornito agli operatori di telefonia per il trattamento dei dati personali

E’ sempre possibile revocare il consenso fornito agli operatori telefonici per il trattamento dei dati personali relativi al marketing e alle finalità commerciali, anche nell’eventualità di disattivazione della linea telefonica o passaggio ad altro gestore. Ecco come fare.

Come revocare consenso per il trattamento dei dati personali
Ecco come esercitare la revoca per il consenso al trattamento dei dati personali relativi a finalità di marketing e commerciali (PixaBay)

Nel momento in cui si attiva un’offerta telefonica con un qualsiasi gestore, è previsto da contratto che la società concessionaria del servizio abbia la facoltà di chiedere al cliente il consenso per il trattamento dei dati personali. Volendo rendere meglio l’idea, si tratta di quelle spunte da dover apporre sul contratto dopo aver inserito tutti i dati anagrafici del soggetto intestatario della scheda SIM e i dettagli di riferimento della tariffa che si vuole attivare sulla scheda telefonica medesima.

La richiesta di trattamento dei dati personali è di solito subordinata a due finalità: quelle previste per l’esecuzione del contratto di servizio, alle quali perciò il consumatore non può sottrarsi (neanche in futuro); ma anche quelle per così dire “accessorie”, relative a finalità di marketing e commerciali. Se le prime sono dunque intese come obbligatorie, le altre restano invece nella piena facoltà di decisione dell’utente, che può scegliere di prestare il consenso – spuntando la casella alla voce corrispondente – o negarlo. E lo potrà fare, si badi bene, anche dopo la cessazione del contratto.

Accettare di prestare il consenso per il trattamento dei dati personali relativi a finalità di marketing darà modo agli operatori di poter contattare l’utente durante il corso del tempo, proponendogli offerte promozionali o, nel caso in cui sia nel frattempo passato a un nuovo gestore, spedire tramite SMS o chiamata proposte di attivazione di tariffe winback, di cui spesso ci siamo occupati in precedenti articoli. E’ bene precisare che questo tipo di consenso non è irreversibile o perpetuo nel tempo: il consumatore ha sempre la facoltà di venir meno in qualsiasi momento rispetto all’adesione prestata in fase di stipula.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Germania spinge per estendere il supporto software dei dispositivi mobili, ma c’è chi si oppone

Operatori telefonici: le procedure per revocare il consenso per il trattamento dei dati personali

Come revocare consenso per il trattamento dei dati personali
Diverse le procedure per esercitare il recesso (PixaBay)

Ogni operatore telefonico deve riconoscere la possibilità ai suoi abbonati od ex abbonati di poter recedere dal consenso al trattamento dei dati personali. Le procedure sono molto simili e prevedono vari canali in cui è possibile esercitare tale diritto. Anche gli ex-abbonati potranno recedere dal consenso facoltativo, ma in questo caso l’unica modalità possibile è quella del contatto tramite indirizzo mail, dimostrando la propria identità. Precisiamo altresì che la cessazione del consenso facoltativo non sarà immediata, ma richiederà un certo periodo di tempo (nella maggior parte dei casi, entro 15 o 20 giorni lavorativi) per essere gestita, lavorata e infine processata dall’operatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lo Snapdragon 898 scalda i motori ed è pronto a sbarcare sui top smartphone Android 2022

  • Iliad: sarà sufficiente inviare una mail all’indirizzo privacy@it.iliad.com appositamente previsto per l’esercizio dei diritti previsti dal Regolamento sulla Privacy. L’utente dovrà fornire una prova identificativa (ad esempio indicando il proprio username per accedere all’area clienti, oppure allegare una copia del documento di riconoscimento). Scrivendo all’indirizzo di cui si discorre, sarà perciò possibile chiedere al gestore se è stato attivato il consenso per il trattamento delle finalità di marketing ed eventualmente revocarlo; una tale possibilità è prevista anche a beneficio degli ex-abbonati che non intendono più ricevere comunicazioni da parte di Iliad
  • Fastweb: sono diverse le procedure previste dall’operatore, potendo scegliere tra l’esercizio della revoca mediante area clienti MyFastweb, oppure contatto telefonico al servizio clienti 192193 o scrivendo una mail all’indirizzo privacy@fastweb.it. In alternativa, è possibile compilare un modulo alla seguente pagina online messa a disposizione per tutti i clienti od ex clienti Fastweb
  • WindTre: la revoca del consenso potrà avvenire mediante esercizio del diritto tramite app ufficiale alla sezione “Gestione consensi”, oppure tramite contatto telefonico al servizio clienti 159 o scrivendo all’indirizzo mail DataProtectionOfficer@windtre.it. Per gli ex clienti, l’esercizio del diritto dovrà avvenire entro sei mesi dalla data di disattivazione della scheda SIM
  • Vodafone: esiste un’apposita sezione dell’app ufficiale MyVodafone per recedere dal consenso al trattamento dei dati personali. In alternativa, è possibile chiamare al servizio clienti 190 o scrivere una mail all’indirizzo info.privacy@mail.vodafone.com
  • TIM: è possibile chiamare al 187, oppure tramite app MyTim o scrivere all’email richiestaprivacy@telecomitalia.it, allegando copia del codice fiscale e indicando il numero telefonico della linea.