Bancomat, ormai è diventato un rischio: iniziate a smettere di usarlo

Gli sportelli bancomat potrebbero sparire del tutto… è mai possibile? Forse proprio del tutto no, ma sicuramente c’è la possibilità che diminuiscano drasticamente di numero.

Bancomat (Cellulari.it)
Bancomat (Cellulari.it)

Di sicuro il trend recente è che le persone non usano quasi più i contanti ed effettuano pagamenti telematici anche per le cifre più basse: questo grazie alle commissioni delle carte di credito che sono diminuite, in quanto anche l’Italia ad esempio si è messa in pari con il trend dei Paesi anglofoni e anglosassoni.

Ma il motivo per cui gli sportelli bancomat potrebbero ben presto avviarsi all’estinzione è un altro, e poco ha a che fare con il trend di uscire senza contanti. Anzi tutto il contrario.

Meno contanti per maggiore trasparenza

Contanti - Cellulari.it 20221019
Contanti in via di estinzione? – Cellulari.it 20221019

Il motivo per cui si pensa di diminuire drasticamente il numero di sportelli ATM sul territorio è legato alla criminalità: quello che si vorrebbe infatti cercare di fare è togliere alle organizzazioni criminali, che per non essere tracciate utilizzano solo i contanti per le loro transazioni, la possibilità di ritirare denaro contante per le operazioni.

Qualunque operazione effettuata con il bancomat infatti rimane visibile e può essere tracciata in ogni momento del suo percorso, mentre un prelievo al bancomat è fine a se stesso e potrebbe portare a qualunque tipo di utilizzo del denaro prelevato.

C’è poi da considerare che gli sportelli bancomat purtroppo hanno dei costi di manutenzione molto elevati, costi che le banche non vogliono più sostenere anche e soprattutto perché è sempre più in voga il settore bancario online contro quello fisico, che quindi va perdendo mordente ma anche incassi.

E’ vero anche che le commissioni per i prelievi sono diventate molto alte, e se in concomitanza con questo si vanno a diminuire anche i punti fisici di prelievo, ecco che il cliente medio andrà sicuramente rivolgendosi di più all’home banking.

Dunque appare quasi scontato che gli sportelli bancomat prima o poi andranno a morire anche se ci vorrà un po’ di tempo.

Il primo sportello automatico fu sviluppato dalla società inglese De La Rue e installato a Enfield il 27 giugno 1967 presso la banca Barclays. Negli Usa debuttò solo due anni dopo. In Italia compare nel 1974 a Milano presso la Banca Popolare di Novara. : oggi nel mondo ci sono oltre 3 milioni di sportelli automatici per il prelievo.

Lo sportello bancomat è comunemente chiamato anche ATM. La sigla ATM è l’abbreviazione di Automated Teller Machine, che significa “macchina sportello automatizzato”, ed infatti esso funziona come un vero e proprio sportello automatico.