L’asteroide Apophis non colpirà la Terra, la NASA rifà i calcoli

L’asteroide Apophis non colpirà più la Terra, i nuovi calcoli fatti dalla NASA hanno confermato che non c’è pericolo per il nostro pianeta. 

Asteroide
Asteroide Apophis non colpirà la Terra (Pixabay)

La Terra è una delle tantissime biglie che si liberano nella volta celeste. Un pianeta, in cui le condizioni sono estremamente uniche e assolutamente speciali per permettere la vita, la nostra vita, e la vita tutte le altre creature a base di carbonio. E per questo, anche se non ci si riflette ogni giorno, non si può non pensare al nostro pianeta come un enorme ecosistema unico e particolare, molto speciale, che è anche incredibilmente fragile. Infatti parliamo di un pianeta che, come tutti gli altri corpi celesti, può da un momento all’altro essere colpito con estrema forza da altri corpi che viaggiano nello sconfinato Universo, come comete, asteroidi e tanto altro. E non è la prima volta che si parla di un asteroide che molto presto potrebbe colpire questa biglia blu. In questo senso si parla di Apophis, un enorme corpo celeste che si sta avvicinando sempre di più al nostro mondo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Suonare musica insieme da remoto a latenza zero – VIDEO

Apophis non colpirà il pianeta Terra nel 2068: i dettagli

Asteroide Terra
Asteroide Terra (Pixabay)

Calcolando la traiettoria di Apophis, diversi anni fa gli scienziati avevano concordato nel dire che questo enorme corpo celeste presto avrebbe colpito il pianeta. Inutile sottolineare la paura e il caos che erano divagati tra le persone e non solo tra la comunità scientifica. Tuttavia i nuovi calcoli e le nuove osservazioni fatti dalla NASA hanno portato ad una conclusione nuovissima.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Consumer Reports incorona due OnePlus tra i migliori smartphone

Si è ora scoperto, infatti, che questo enorme corpo celeste non colpirà affatto il nostro pianeta. Infatti l’asteroide in questione, che si diceva avrebbe colpito la Terra nel 2068, non colliderà affatto con il nostro pianeta. Una notizia certamente positiva, che non può che far piacere a tutti quelli che vivono su questa biglia blu sospesa in mezzo al mare nero dell’Universo.