Apple Watch: il monitoraggio della glicemia fai-da-te

Prima o poi uscirà qualcosa di ufficiale, anche perché nel bunker di Cupertino ci si sta lavorando da tempo ormai da tempo immemore. Nel frattempo, però, arriva la testimonianza di un diabetico, che ha utilizzato l’App Watch per il monitoraggio della glicemia.

Apple Watch 20220607 CELL
Apple Watch – Adobe Stock

Salve, sono Harley e soffro di diabete di tipo 1”. Ossia una forma di diabete mellito provocato dalla lesione autoimmune delle cellule beta del pancreas. Una volta veniva chiamato anche diabete insulino-dipendente o giovanile, ma oggigiorno queste definizioni sono considerate dalla stragrande maggioranza dei medici, fondamentalmente scorrette o più precisamente incomplete. Tant’è.

Il diabete di tipo 1, abbreviato in T1D provoca il danneggiamento di alcune cellule. Che non producono più insulina, a prescindere da quali possano essere i fattori di rischio e le entità causali. L’esperienza di Harley continua così.

La creazione di un’app Apple Watch per leggere continuamente la glicemia

Apple Watch 20220607 cell 2
Apple Watch – Adobe Stock

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune cronica, senza una causa nota conclusiva. La malattia fa sì che il sistema immunitario del corpo attacchi e distrugga le cellule che creano insulina nel pancreas”.

I diabetici di tipo 1 costituiscono tra il 5 e il 10% di tutti i diabetici (circa lo 0,015% della popolazione mondiale) e la malattia viene gestita diventando effettivamente un pancreas che cammina. “Misuriamo costantemente i livelli di glucosio nel sangue continua Harley – calcoliamo il numero di grammi di carboidrati in qualsiasi alimento o bevanda che consumiamo, identifichiamo l’indice glicemico di diverse parti di un pasto ed effettuare migliaia di calcoli al giorno riguardanti la nostra attività, i piani futuri, i livelli di stress, i livelli di caffeina, la temperatura corporea, il tessuto cicatriziale nel sito di iniezione , la quantità di sonno e l’attuale resistenza all’insulina”.

Quando un diabetico di tipo 1 consuma qualsiasi alimento, utilizza un rapporto tra il numero di grammi di carboidrati nel cibo e il numero di unità di insulina ad azione rapida, con l’obiettivo di aumentare la glicemia per cercare di equilibrare il tutto. “Se si inietta troppo poco, i livelli di glucosio nel sangue aumentano, con conseguente iperglicemia – prosegue – iniettare troppo e i livelli di glucosio nel sangue diminuiscono, causando ipoglicemia”.

Un utente di Apple Watch ha creato una complicazione e un’app watchOS che opera in combinazione ad un glucometro esterno, permettendo di monitorare costantemente il livello di glicemia direttamente dal polso. L’idea del monitoraggio fai-da-te deriva da Abbot FreeStyle Libre, un sistema di monitoraggio flash del glucosio FreeStyle Libre, grazie al quale si può utilizzare un cellulare, o come in questo caso un Apple Watch, per conoscere valore e andamento corporeo del glucosio.

Attualmente, la maggior parte delle app CGM dei fornitori disponibili utilizza l’Apple Watch come dispositivo di notifica per la loro app principale, da qualche parte per inviare allarmi e notifiche piuttosto che da qualche parte per controllare in modo proattivo i livelli di glucosio – spiega Harley – con watchOS 8 abbiamo anche la possibilità di fare queste cose in background”. Come? Ecco la riposta.

Sommando tutti i pezzi insieme – conclude Harley nella sua testimonianza su hturan.com – si può creare un’app Apple Watch completamente indipendente per leggere continuamente la glicemia, senza bisogno di nessun altro dispositivo”. Ora tocca ad Apple.