Apple utilizza lo smartphone di un competitor a suo vantaggio

Una scelta tanto strategica quanto sorprendente. Apple, più precisamente la pagina del colosso di Cupertino su Amazon USA, sta utilizzando lo smartphone Samsung Galaxy S21 per pubblicizzare i nuovi Beats Studio Buds per Android (e iOS).

Apple (Adobe Stock)
Apple (Adobe Stock)

Già durante l’ultimo evento WWDC, di poche settimane fa, Apple aveva annunciato che FaceTime stava arrivando su Android, ma stavolta si è spinta oltre, dimostrando la parola competitor non interessa molto agli inventori della Mela (morsicata) più importante al mondo.

Apple, l’immagine che stupisce: i Beats Studio Buds in sorprendente compagnia

Samsung Display (Adobe Stock)
Samsung Display (Adobe Stock)

Come se non bastasse una immagine forte con una donna che indossa gli auricolari all’ultimo grido prodotti da Apple, con in mano un Samsung S21, arriva un paragrafo ufficiale per la spiegazione. “I Beats Studio Buds sono dotati di un semplice accoppiamento one-touch per dispositivi Apple e Android e si collegano facilmente tramite Bluetooth. Con l’app Beats per Android, otterrai funzionalità come controlli integrati, stato del dispositivo, ovvero e aggiornamenti del firmware. Con i dispositivi Apple, queste funzionalità sono integrate in iOS senza che siano necessarie app e puoi anche attivare Siri a mani libere semplicemente dicendo: Ehi Siri”.

LEGGI ANCHE >>> App Android, non lasciatevi scappare queste offerte sul Play Store

Una mossa di marketing di facile comprendonio: i Beats Studio Buds sono un prodotto per tutti, sia per chi utilizza gli smartphone made in iOS, sia per gli amanti Android. Una mossa marketing che ha un fine, più o meno dichiarato, di vendere 100 milioni di pezzi entro il 2021.

LEGGI ANCHE >>> Se esiste Google Immagini è grazie a Jennifer Lopez: l’incredibile storia di un successo planetario

I Beats Studio Buds nascono per assicurare un’esperienza d’ascolto completa, sono progettati per un suono potente e bilanciato, con un design compatto e una piattaforma acustica interamente personalizzata. Un driver proprietario a doppia membrana all’interno di un alloggiamento a doppia camera consente di ottenere suoni nitidi con un’eccezionale separazione stereo. Un processore digitale avanzato ottimizza le prestazioni audio in termini di intensità sonora e limpidezza e, allo stesso tempo, permette una cancellazione del rumore. Con due modalità di ascolto diverse, il suono è nella mani dei propri utenti, padroni assoluti della gestione dei Beats Studio Buds.

La cancellazione attiva del rumore viene ottenuta grazie a un filtro calibrato che si adatta dinamicamente all’ambiente circostante. Basta schiacciare un pulsante e si passa alla “modalità trasparenza”: i microfoni esterni combinano i suoni dell’ambiente che ti circonda con la tua musica, creando un’esperienza d’ascolto naturale.

Coi Beats Studio Buds, si hanno fino a 8 ore di ascolto1, con due ricariche aggiuntive grazie alla custodia di ricarica tascabile. Con la modalità Trasparenza o ANC attivata, si hanno fino a 5 ore di ascolto (15 ore combinate con la custodia). Si scarica la batteria? C’è la ricarica rapida Fast Fuel: 5 minuti di ricarica e si torna a ballare.

I morbidi copriauricolari sono in silicone, disponibili in tre misure (small, medium, large) permettono una una vestibilità personalizzata e creano una tenuta acustica. I Beats Studio Buds sono stati creati per adattarsi perfettamente alla tua vita grazie al design in-ear elegante, compatto, esistenti all’acqua e al sudore, con un rating di grado IPX4.4. Ma soprattutto sono per tutti, il Bluetooth l’anello di congiunzione fra Apple e Android. Ora quell’immagine che fa tanto senso, a darne conferma.