UE contro il monopolio di Apple: stangata in arrivo per il colosso di Cupertino?

Il Commissario Europeo per la concorrenza accusa Apple di abuso di posizione dominante: l’App Store è un monopolio che penalizza i competitori, dovrà consentire l’installazione di store di terze parti sui propri dispositivi.

Apple Commissario Europeo Concorrenza App Store
(Unsplash)

Lo scorso aprile, il Commissario Europeo per la concorrenza Margrethe Vestager ha annunciato i risultati dell’indagine preliminare dell’UE sulla gestione dell’App Store di Apple, condotta in seguito all’appello di Spotify alle autorità: Apple abusa della sua posizione dominante per la distribuzione delle applicazioni di streaming attraverso il proprio Store, richiedendo una commissione del 30%. L’UE ha dato ragione a Spotify e proseguito l’indagine sul comportamento di Apple sul mercato e sulla distorsione dei principi di concorrenza, i cui dettagli sono stati rivelati direttamente dal Commissario Vestager in un’intervista al New York Times.

Il procedimento contro l’azienda di Cupertino, accusata di monopolio, mette in luce le forti limitazioni che penalizzano i servizi alternativi non solo nel settore dello streaming di musica, ma in tutte le funzionalità disponibili su iPhone e tutti gli aspetti dell’ecosistema Apple, che mira a racchiudere l’esperienza utente all’interno di un determinato set di servizi esclusivi. Su un iPhone, dichiara Vestager nell’intervista, Apple ha il monopolio su come l’utente debba ottenere le applicazioni: l’App Store rappresenta uno dei più importanti strumenti per il consolidamento e l’espansione della posizione di dominio dell’azienda, e per la limitazione della libertà di scelta degli utenti.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass UE: finalmente realtà. Come funziona e quando entrerà in vigore

La proposta di legge su Apple: App Store dovrà consentire l’installazione di store di terze parti

Le procedure per una proposta di legge sull’App Store al Parlamento Europeo sono già state messe in moto: se verrà recepita per la fine del processo, Apple potrebbe dover consentire l’installazione di store di terze parti tramite App Store per rispettare i principi della concorrenza. La risposta dell’azienda determinerà un accordo che consentirà il mantenimento dell’esclusività dell’App Store con le opportune regolamentazioni, oppure l’implementazione della nuova normativa almeno in Europa.

LEGGI ANCHE >>> Volantino MediaWorld: Galaxy Tab S7 in offerta a un prezzo imperdibile