Amazon offre il suo aiuto a Biden: potrà distribuire il vaccino anti Covid

Anche Amazon si propone per la distribuzione del vaccino anti Covid. Bezos ha inviato una lettera formale al presidente Joe Biden

vaccino covid amazon
Anche Amazon si propone per la distribuzione del vaccino anti Covid (Getty Images)

Uno dei temi più caldi delle ultime settimane è quello relativo al vaccino anti Covid. Diventato realtà dallo scorso dicembre, sta venendo distribuito dalle varie aziende farmaceutiche che hanno ricevuto l’ok e somministrato dagli operatori sanitari nazionali. In Europa si attende il via libera anche per altri farmaci, e anche negli Usa la campagna vaccinale procede a passo spedito.

Nella giornata di ieri, il presidente Joe Biden ha ufficialmente preso parte alla cerimonia di insediamento alla Casa Bianca, iniziando così la sua avventura alla guida del Paese più importante al mondo. Le sue mansioni hanno già preso il via, e tra queste c’è appunto il perfezionamento della campagna vaccinale anti Covid. A tal proposito, anche Jeff Bezos si è proposto per dare il suo contributo con il sistema di consegne Amazon.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Iliad down in tutta Italia, problemi per gli utenti: cosa sta succedendo

Amazon per la distribuzione del vaccino anti Covid: la lettera a Biden

vaccino covid amazon
La lettera inviata al neo presidente Usa Joe Biden (Getty Images)

Lo scorso mercoledì, Jeff Bezos ha inviato una lettera formale al neo presidente degli Usa Joe Biden per proporsi come distributore del vaccino anti Covid. Il contenuto è stato segnalato per la prima volta da Reuters, che spiega come il Ceo Worldwide Consumer dell’azienda di e-commerce Dave Clark abbia affermato che: “Siamo pronti ad aiutarvi con tutti i nostri mezzi per raggiungere l’obiettivo comune“. Tra i punti della sua campagna, Biden ha parlato di 100 milioni di somministrazioni nei primi 100 giorni di presidenza.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Tim e Vodafone multate per rimodulazioni e costi nascosti

Possiamo sfruttare i nostri sistemi organizzativi, il nostro apparato IT e le competenze nel campo della comunicazione per assistere a tutti gli sforzi di vaccinazione” si legge nella lettera: “Potremmo avere un forte impatto sin da subito“.