ZenFone 8 in arrivo il 12 maggio: sarà piccolo e potente

ASUS accende la sfida ad iPhone 12 Mini confermando l’imminente arrivo di un nuovo smartphone compatto appartenente alla linea ZenFone 8.

ZenFone 8 uscita
ZenFone 8, presentazione programmata per il 12 maggio (Screenshot)

S’è fatto finora un gran parlare di ZenFone 8 Mini e dopo le indiscrezioni a ritmo pressoché calzante, arriva adesso anche la prima conferma ufficiale: il debutto dello smartphone tascabile si concretizzerà il 12 maggio prossimo, in occasione di un evento stampa programmato ad-hoc. ASUS mette dunque nel mirino i migliori dispositivi top di gamma, a conferma di una strategia del colosso taiwanese improntata sulla fascia altissima del settore mobile. Il nuovo Rog Phone 5 ha d’altronde dato un assaggio delle rinnovate potenzialità del brand di Taipei, destinate a questo punto ad essere replicate in versione compatta e a ranghi ridotti.

L’evento stampa in serbo da ASUS dovrebbe perciò essere dedicato alla serie ZenFone 8 e non sappiamo ancora l’esatto numero di smartphone che andranno a rimpinguarla. Campeggia finora soltanto un dettaglio di non poco conto: nella locandina che accompagna la notizia, il sodalizio guidato da S.Y. Hsu e Samson Hu si è lasciato andare ad una frase che sembra quasi voler accendere la sfida ad iPhone 12 Mini, stante il riferimento a “dimensioni compatte” e “grandi performance“.

POTREBBE INTERESSARTI>>>OnePlus 9 Pro, test della resistenza estremo – VIDEO

La certezza Snapdragon 888

ZenFone 8
ZenFone 8 sarà mosso dallo Snapdragon 888 (AdobeStock)

Bisognerà perciò verificare se lo smartphone compatto di cui s’è finora parlato corrisponda ad una sola delle versioni dei nuovi gioielli griffati ASUS – per l’appunto ZenFone 8 Mini – oppure identifichi il modello per così dire d’ingresso e tradizionale, magari accompagnato da una seconda variante di dimensioni più generose.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Van Gogh e i suoi quadri ricreati con 600 droni – VIDEO

Staremo a vedere, anche se appare scontata la presenza al timone del processore Snapdragon 888 di Qualcomm, peraltro anticipata qualche giorno addietro da alcune rilevazioni sulla piattaforma GeekBench. Lo smartphone dovrebbe inoltre metter in mostra una frequenza di aggiornamento a 120Hz (la stessa, per inciso, in predicato di fare il suo debutto su iPhone 13 Pro), un pannello a tecnologia OLED e una tripla fotocamera posteriore con sensore principale da 64 megapixel. Che il piccolo stia finalmente per tornar di moda dopo l’epopea dei “padelloni”?