Windows 11 dà problemi: meglio non aggiornarlo su queste CPU

Il nuovo sistema operativo di Microsoft diventerà performante e probabilmente sarà degno successore di Windows 10, uno dei più longevi (2015) e apprezzati dai fan del colosso di Redmond, in un futuro. Nel presente sta creando dei problemi. Non di poco conto.

Windows 11 (Adobe Stock)
Windows 11 (Adobe Stock)

AMD e Microsoft hanno stabilito che i processori AMD compatibili possono presentare prestazioni ridotte in determinate applicazioni durante l’esecuzione di Windows 11. Come la latenza della cache L3 misurata e funzionale che può aumentare per alcune applicazioni, ma le applicazioni sensibili al tempo di accesso al sottosistema di memoria potrebbero risentirne.

E, poi, Impatto sulle prestazioni stimato di <3-5% nelle applicazioni interessate, con possibili valori anomali in alcuni giochi, con una diminuzione delle performance dal 10 al 15% nei giochi “comunemente utilizzati per gli eSport”. AMD, in tal senso non fornisce un elenco completo dei game in questione, ma il riferimento è sufficiente per lanciare l’allarme su titoli come CS:GO. Dota 2, League of Legends, Overwatch, Call of Duty e simili.

Coro AMD e Microsoft: “Stiamo lavorando a un aggiornamento previsto per la fine del mese”

CPU (Adobe Stock)
CPU (Adobe Stock)

È sì in fase di sviluppo un aggiornamento di Windows per risolvere questo problema con disponibilità prevista nell’ottobre del 2021. Ma nel frattempo il bug influenza ogni CPU Ryzen, quindi le generazioni Zen+, Zen 2 e Zen 3, interessando anche alcuni chip AMD EPYC per data center, insieme a diversi Athlon più recenti.

LEGGI ANCHE >>> eFootball 2022 non convince gli utenti: Konami pronta a correre ai ripari

L’UEFI CPPC2 (“core preferito”) potrebbe non pianificare nemmeno in modo preferenziale i thread sul core più veloce di un processore. Come segnalano più di un utente. Da qui le applicazioni sensibili alle prestazioni di uno o pochi thread della CPU possono essere ridotte, un impatto che potrebbe essere più rilevabile nei processori >8 core con TDP superiore a 65 W.

LEGGI ANCHE >>> Facebook, WhatsApp e Instagram di nuovo down: è il secondo crack della settimana

Anche in questo, caso, AMD e Microsoft hanno già fatto sapere dello sviluppo di un prossimo aggiornamento, pronto a risolvere anche questo problema. Da qui il consiglio di AMD ai suoi clienti: chi riscontra questi problemi, è meglio che non aggiorni Windows 10, ma lo continui a utilizzare nella sua versione supportata.

I problemi di AMD Ryzen sono separati dai rallentamenti delle prestazioni causati da alcune delle funzionalità di sicurezza basate sulla virtualizzazione di Windows. In particolare, i test condotti da punti vendita come Tom’s Hardware hanno dimostrato che la funzione di sicurezza Integrità della memoria può ridurre le prestazioni di alcuni punti percentuali in alcuni giochi e attività di elaborazione generali, sebbene i risultati varino ampiamente in base al software che stai utilizzando e al processore che utilizzi. avere.

La funzione è inclusa sia in Windows 10 che in Windows 11, ma è disabilitata per impostazione predefinita in entrambi i sistemi operativi per tutti i laptop e desktop più recenti venduti dai principali produttori di PC.