Volkswagen: l’azienda rischia grosso in questo momento | Colpa di Elon Musk

L’ultimo avvenimento in casa Volkswagen fa scalpore. Una sorta di fulmine a ciel sereno, che ha scatenato mille ipotesi sul perché e per come di una decisione a dir poco sorprendente.

Elon Musk & Volkswagen
Elon Musk & Volkswagen

Herbert Diess è una figura di spicco nel settore automobilistico tedesco, ha studiato a Monaco prima di lavorare presso Robert Bosch, seguito da un lungo incarico presso BMW AG per oltre quindici anni.

In Volkswagen, Diess è stato nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione del marchio Volkswagen Passenger Cars e Volkswagen Aktiengesellschaft prima di essere nominato Group CEO nel 2019.

Dalla famosa foto a quell’intervento da remoto: Diess-Elon Musk lavoreranno insieme?

VolksWagen 20220725 cell
VolksWagen – Adobe Stock

Diess è stata una figura chiave nel rebranding della Volkswagen come leader nell’elettrificazione a seguito di una macchia di diesel sulla sua reputazione alcuni anni fa. Durante il suo periodo come CEO, Volkswagen ha fatto enormi passi avanti nell’elettrificazione e rimane sulla buona strada per diventare uno dei leader nelle vendite di veicoli elettrici in questo decennio.

Ufficialmente è un “divorzio consensuale, figlio di un accordo reciproco” con Volkswagen, che ha già nominato il suo successore, Oliver Blume, CEO di Porsche, Oliver Blume, che assumerà il ruolo di Diess nel Gruppo Volkswagen, pur rimanendo a capo del marchio di auto sportive.

La VW ha annunciato che Diess sarà sostituito dal CEO di Porsche Oliver Blume, 54 anni, che ricoprirà il ruolo di CEO sia di Volkswagen che di Porsche. È stato anche confermato che Blume, che sta attualmente dando gli ultimi ritocchi all’IPO pianificata di Porsche AG questo autunno, riceverà supporto nelle operazioni quotidiane dal CFO di VW Arno Antlitz. Il presidente del consiglio di sorveglianza Hans Dieter Pötsch ha ringraziato Diess per il suo servizio come CEO e per aver contribuito a trasformare l’azienda. Diess, in precedenza manager della BMW, ha preso le redini della VW nell’aprile 2018. Ha spinto l’elettrificazione alla VW ma ha avuto problemi con lo sviluppo del software, tra le altre cose. Si è anche trovato spesso in disaccordo con il consiglio di fabbrica quando si trattava di gestire il budget dell’azienda. O per la sua amicizia, forte, con Elon Musk.

Già nel 2020 i due si erano incontrati e il numero uno di Tesla provò la Volkswagen ID.3 al debutto, con tanto di foto scattata insieme che ha fatto il giro del mondo online, facendo storcere il naso a qualcuno.
Sempre Elon Musk era stato invitato da Diess come relatore (da remoto) in una conferenza con i manager Volkswagen dei piani alti, per “spiegargli” come migliorare la produttività e la qualità dei veicoli elettrici tedeschi. Altri mugugni.

Per molti, Diess era diventato un personaggio scomodo in VW, oltre che per l’amicizia con Elon Musk, per le sue posizioni contro l’idrogeno e i carburanti sintetici. Chissà che succederà ora che l’ex numero uno di Volkswagen è libero da vincoli…