Virus su dispositivi Android: la tecnica che ha fregato tutti, controllate subito se lo avete anche voi

Quante volte abbiamo sentito dire che i Mac, e comunque in generale i dispositivi Apple, sono praticamente immuni da virus e malware? In generale, non è sbagliato, ma sarebbe meglio dire che quello che difficilmente può essere contaminato è un computer, mentre sul cellulare in linea di massima arriva di tutto e di più, grazie ad applicazioni, messaggi e simili.

Certo va detto che per quanto riguarda iOS non si sente molto spesso dire che girino questi gran virus, mentre non è inusuale sentire che i dispositivi Android siano stati colpiti da malware che girano sempre più spesso su applicazioni malevole di terze parti che vengono “ospitate” per essere scaricate sul Google Play Store.

Adware - Cellulari.it 20221027
Adware – Cellulari.it

Ed è di questi giorni la notizia che altre 16 applicazioni malevole hanno colpito milioni di utenti che posseggono device con sistema operativo Android introducendo un virus nei telefoni che ha creato non pochi danni a chi ne è stato colpito, in particolare in termini di prestazioni dell’apparecchio.

La scoperta di McAfee

Hacker - Cellulari.it 20221027
Hacker – Cellulari.it

A scoprire questo ingente danno (le app sono state scaricate oltre 20 milioni di volte) sono stati i ricercatori di sicurezza di McAfee, la compagnia specializzata nella produzione di antivirus e sistemi di sicurezza come firewall e simili: questa equipe ha scoperto un set di 16 app di tipo clicker dannose che si sono intrufolate nel Play Store di Android.

Le app cosiddette clicker appartengono a una speciale categoria di adware, dei virus che caricano annunci in frame invisibili o addirittura in background, i quali fanno sì che questi banner pubblicitari vengano cliccati senza che il proprietario del telefono se ne accorga e aiutano i loro operatori a entrare in possesso di denaro “estorto” in maniera ovviamente non lecita.

Ma come è possibile accorgersi dell’effetto negativo di tali virus se i click avvengono in maniera occulta? In linea di massima il dispositivo colpito subisce dei cali di prestazioni, si surriscalda molto facilmente, la batteria si scarica più velocemente ed i dati mobili si consumano più velocemente. Insomma, se si possiede un dispositivo nuovo è più che facile rendersi conto che ci sia qualcosa che non va, dal momento che questi cali di prestazioni non appartengono, in linea di massima, a device nuovi o di nuova generazione.

Fortunatamente, tutte e 16 le applicazioni malevole sono già state rimosse dal Play Store del sistema operativo Android, grazie proprio alla segnalazione effettuata dal team di ricercatori di McAfee. Resta solo da verificare che i 20 milioni di download vengano rimossi dai telefoni interessati: in particolare che sia tolta dai telefoni l’applicazione chiamata DxClean, che ha ricevuto ben 5 milioni di preferenza grazie alle false recensioni positive pubblicate sulla scheda nel Play Store.