Virus preistorici studiati da scienziati russi: presi dal permafrost

Virus preistorici stanno venendo esaminati dagli scienziati russi in questo momento, con i campioni presi dal permafrost siberiano.

Microscopio
Virus preistorici osservati da studiosi russi (Pixabay)

Il Covid-19 ha certamente cambiato completamente la vita di tutti noi, modificando in modo radicale quella che chiamiamo normalità. Dall’inizio della pandemia che si è originata a Wuhan, le voci sono state continue e varie. Mentre la maggioranza assoluta della comunità scientifica concorda che il virus sia nato dai mercati della carne di Wuhan a causa di scarsa igiene e della condivisione di spazi ristretti di varie specie animali. In condizioni assolutamente pessime. C’è però comunque qualcuno che crede che tutto sia dovuto dalla fuga del virus da un laboratorio di Wuhan, e sono gli stessi che hanno lanciato l’allarme in seguito alla notizia che è iniziata a circolare poche ore fa, che viene direttamente dalla Russia. Infatti in questo momento gli scienziati russi stanno lavorando proprio con dei virus e dei batteri antichi, antichissimi. Preistorici.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, quali saranno i cambiamenti per la privacy dopo il 15 maggio

Virus preistorici in un laboratorio russo per delle analisi

Maschera virus (Pixabay)

Gli scienziati russi hanno esaminato con attenzione alcune parti del permafrost siberiano. Parliamo di un tipo di zone dove il ghiaccio è continuo, e quindi il virus e i batteri si sono ibernati e sono conservati bene. A lavorare al progetto è il Centro di ricerca per la Virologia e la BiotecnologiaVector”. Qui gli scienziati stanno esaminando e analizzando dei virus di origine preistorica. Questo tipo di studio è importante per comprendere molte cose di oggi.

LEGGI ANCHE >>> Clubhouse, vendita degli inviti e deep fake: l’allarme di Kaspersky

Infatti esaminando quella che era la forma di un virus di migliaia e migliaia di anni fa, si possono comprendere anche molte più cose sui virus odierni come il Covid-19 e tanti altri. Ecco perché questo tipo di ricerca è certamente funzionale e importante. Perché da questo tipo di ricerche si potranno comprendere e magari prevenire altre malattie in futuro, o accelerare ulteriormente lo sviluppo di cure. Tuttavia la notizia ha creato un po’ di tensione online, dato che alcuni credono possa esserci una fuga di questi campioni e di malattie preistoriche.