Trambusto per Google: arriva il “No” decisivo | Non potrà farlo

Una decisione in realtà arrivata a sorpresa, ma fino ad un certo punto. Dopo alcune discussioni in merito, Google ha confermato il “No” e dunque non accoglierà un’importante novità all’interno dei suoi sistemi

Se ancora oggi Google è sulla cresta dell’onda, molto del suo successo lo deve al fatto che – nel corso degli anni – ha saputo costruirsi intorno un ecosistema in grado di soddisfare gli utenti in tutto e per tutto. Oltre al classico motore di ricerca, l’azienda offre anche servizi di messaggistica, di email, di videocall, di navigazione e tanto, tanto altro.

truth play store 20220903 cellulari.it
Dopo una lunga serie di discussioni, alla fine Google ha preso una decisione molto importante e chiacchierata (Adobe Stock)

Impossibile non menzionare Android, software per smartphone che ad oggi rappresenta il punto di riferimento a livello globale (insieme ad iOS). Le novità in arrivo sono parecchie, e riguardano anche il Play Store. Nello specifico, c’è un tema che sta facendo discutere in queste ultime ore e riguarda una scelta presa da Big G.

Google ha deciso, il No è ormai definitivo

Alla fine la decisione è arrivata, e stupisce fino ad un certo punto: l’app di Truth non potrà essere scaricata all’interno del Play Store di Android. Google ci ha pensato a lungo e avrebbe anche potuto chiudere un occhio, ma così non è stato. Il social network dell’ex presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump rimarrà accessibile solo con il browser web.

truth play store 20220903 cellulari.it
Il social network Truth di Donald Trump non potrà essere scaricato all’interno del Play Store di Android (Adobe Stock)

L’applicazione invece non sarà disponibile, a meno che utenti e appassionati del settore non si inventeranno Apk speciali scaricabili sul web con tutte le funzionalità del caso.

Ma per quale motivo Big G avrebbe preso una scelta così drastica nei confronti del tycoon? Stando a quanto emerso, la piattaforma di Trump violerebbe le regole in merito al divieto di contenuti che incitano minacce fisiche e violenza. La spiegazione è stata data proprio dopo che l’entourage dell’ex presidente USA ha affermato di non essere a conoscenza del motivo per il quale il social network non avesse ancora ottenuto l’approvazione.

Nulla è ancora perduto, però. Sempre Google ha spiegato come sia necessario “un sistema efficace che moderi i contenuti generati dagli utenti“. Se il team di sviluppatori dietro Truth riuscirà ad adempiere alle richieste di Big G, in futuro non è da escludere che l’app diventerà scaricabile sul Play Store di Android.