Se lo fate anche voi rischiate l’udito: il fenomeno è comunissimo | State attenti a come le usate

La domanda sorge spontanea, quanto male fanno alle nostre orecchie? Ci ha pensato una recente ricerca australiana della Bond University a rispondere a questo amletico dubbio.

Il report per certi versi stupisce, in quanto il normale uso di auricolari non provoca generalmente nessun problema. Anche se, vale la pena sottolineare prendendo spunto da un arcinoto proverbio italiano: il troppo stroppia. Sempre.

Se lo fate anche voi rischiate l'udito: il fenomeno è comunissimo | State attenti a come le usate
Rischiate di perdere l’udito (AdobeStock)

Se infatti questi dispositivi vengono utilizzati per un tempo prolungato, in una giornata, possono portare a una serie di disturbi legati al processo di autopulizia messo in atto dal cerume, il che significa aumentare il rischio di infezioni nell’udito.

Il cerume, infatti, per quanto non sia bello a vedersi, ha una funzione ben precisa nel nostro corpo. Lubrifica, in primis. E’ una sostanza preziosissima che protegge l’orecchio dagli insetti e da qualsiasi tipo di corpo estraneo. Batteri e infezioni. L’orecchio, quindi, si auto-pulisce e si difende, ma va da sé che un corpo estraneo, tenuto per tante ore, nuove alla salute.

Auricolari over-ear: pregi e difetti

Che siano AirPods, leader per distacco nello speciale segmento di mercato degli indossabili, altro, fa lo stesso. Gli auricolari di nuova generazione, soprattutto quelli senza fili, stanno dilagando in qualsiasi parte del mondo.

Auricolari - Cellulari.it 20220827
Auricolari, quali scegliere? – Cellulari.it 20220827

Il normale uso dei dispositivi in-ear non causa problemi: lo dicono in tanti, lo conferma anche la ricerca della Bond University australiana. Diverso è il discorso se utilizziamo AirPods o qualsiasi altro indossabile per molte ore, durante la giornata.

Secondo la ricerca, gli auricolari comprimono il cerume, rendendolo meno fluido e più difficile da espellere, generano infiammazioni soprattutto in considerazione del fatto che intrappola sudore e umidità nelle orecchie. Creano una barriera per l’espulsione del cerume in disavanzo nel nostro corpo, riducono l’igiene generale. E, cosa più importante di tutti, danneggiano l’udito nel caso in cui teniamo il volume troppo alto, per la musica (per esempio) o per le chiamate stesse.

Un rimedio a questi problemi elencati dalla ricerca della Bond University possono essere gli auricolari chiamati over-ear. A differenza di quelle in e volendo anche on-ear, i due padiglioni degli auricolari avvolgono completamente le orecchie e hanno un altro vantaggio: assicurano una riduzione del rumore esterno quasi perfetta. Attenzione, però, sono pesanti e non adatte per essere utilizzate all’esterno.

Il miglior consiglio, però, rimane quello di lasciare libero l’orecchio il più possibile, evitando magari di addormentarsi con gli auricolari nell’orecchio. Capita, purtroppo, fin troppo spesso. Più in generale, meglio utilizzarli all’occorrenza, senza lasciarli nell’orecchio in maniera del tutto inutile. E pure dannosa.