Samsung: stravolti i dispositivi, stanno per perdere una parte importante

Grossa novità in casa Samsung. L’azienda ha deciso di stravolgere i propri dispositivi con la rimozione di una parte importante. La decisione sembra ormai essere già stata presa, stando ad un recente rapporto

Ormai un mese fa, Samsung ha presentato al grande pubblico i suoi nuovi device foldable. Con i Galaxy Z Fold 4 e Z Flip 4, l’azienda sudcoreana ha dato un’altra grande importante spinta ad un settore in costante crescita, che non sembra volersi fermare e anzi accoglie un numero sempre maggiore di clienti.

samsung 20220915 cellulari.it
Stando a quanto emerso da un recente report, Samsung avrebbe deciso di apportare una decisione clamorosa per i prossimi smartphone top di gamma (Adobe Stock)

Ma ovviamente il focus maggiore del colosso asiatico rimane sugli smartphone e, in particolare, sulla serie Galaxy S. In attesa dei nuovi modelli che usciranno ad inizio 2023, ci sono notizie emerse da un recente report che stanno attirando l’interesse degli utenti. Per un motivo in particolare: si tratta di una svolta pazzesca rispetto agli anni passati.

Samsung, ecco cosa potrebbe cambiare nei prossimi anni

Si tratta di un vero e proprio salto nel vuoto, un passaggio storico in linea con quanto già compiuto da altre aziende come HTC. Stando a quanto emerso da un recente report, Samsung starebbe pensando di rimuovere i tasti fisici per sempre.

samsung 20220915 cellulari.it
L’idea sarebbe quella di abbandonare per sempre l’utilizzo dei tasti fisici, a favore di una soluzione alternativa e avanzata (Adobe Stock)

E quindi addio al bilanciere per il volume e il pulsante al lato per lo spegnimento. Il tutto dovrebbe essere ad appannaggio dei modelli top di gamma, e quindi della serie Galaxy S. E anche a livello di tempistiche, si parla di 2025 come anno possibile scelto.

Resta ora da capire a quali saranno le soluzioni pensate dall’azienda asiatica per sopperire ad un’importante mancanza. L’idea potrebbe essere quella di implementare sistemi virtuali che permettano in maniera veloce ed intuitiva di alzare ed abbassare il volume. Discorso diverso invece per l’accensione del dispositivo una volta spento. Bisognerà per ingegneri e sviluppatori lavorare ad un possibile meccanismo in grado di garantire funzioni vitali per un dispositivo del genere, rinunciando ai tasti. Continua dunque il processo già avviato negli anni passati dall’intero settore tech, che di volta in volta sta riducendo la presenza di elementi fisici a favore di uno schermo touchscreen più grande e di un’esperienza in generale più interconnessa. Non rimane che attendere e vedere a cosa avranno pensato questa volta.