Pagare col palmo della mano? È possibile, nel nuovo negozio fisico di Amazon

Amazon ha deciso di aprire a Washington DC il suo primo negozio fisico dove si paga utilizzando il palmo della propria mano

Negli ultimi anni, Amazon sta puntando parecchio anche sui negozi fisici. Basti pensare ad Amazon Go, veri e propri supermercati senza personale dove non è necessario fermarsi in cassa per pagare. Gli edifici sono muniti di migliaia di telecamere, che studiano ogni minimo movimento e aggiungono (o rimuovo) gli acquisti dal carrello personale.

amazon shop 20220302 cellulari.it
A Washington DC, Amazon ha aperto il suo primo shop smart dove si paga con il palmo della mano (Screenshot)

Oppure il progetto legato ai negozi di vestiti, dove quelli in esposizione sono scannerizzabili tramite codice QR e le taglie scelte vengono inviate direttamente nei camerini per essere provati. Ma non è finita qui. A Washington DC, il colosso di Jeff Bezos ha aperto il suo primo shop smart dove è possibile pagare col palmo della mano.

Amazon apre uno shop smart per pagare col palmo della mano

amazon shop 20220302 cellulari.it
Ecco tutti i dettagli sul suo funzionamento (Adobe Stock)

Un vero e proprio salto verso il futuro. Amazon ha aperto a Washington DC il suo primo negozio smart, grazie alla recente acquisizione della catena Whole Foods. Dopo aver messo i vari articoli scelti nel carrello e poi imbustati, basterà passare la propria mano sul lettore posto all’uscita. Così si potrà pagare senza dover fare alcuna fila. Un po’ come già succede con i negozi di Amazon Go, con la differenza che non entra in gioco l’autenticazione facciale.

E bisogna anche considerare la distribuzione dei supermercati Whole Foods negli Stati Uniti, ben più vasta rispetto ai recenti Amazon Go. Alla prima visita, il cliente sarà obbligato a registrarsi presso uno dei totem presenti in negozio. Dal primo pagamento, sarà possibile utilizzare un codice QR oppure il palmo della mano. Presente anche in questo caso una serie vastissima di telecamere per tracciare gli individui in ogni angolo dello store. Ricordiamo che la catena di e-commerce ha acquistato Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari nel 2017, iniziando però solo ora ad integrare i suoi servizi all’interno dell’ecosistema.