Pagamento IMU tramite bollettino postale è possibile: ecco come e a cosa fare attenzione

In quale modo bisogna procedere per effettuare il pagamento dell’IMU utilizzando il bollettino postale? Attenzione a non sbagliare!

Come tutti gli anni, anche per il 2024 si avvicina la scadenza per il pagamento di una delle principali imposte rivolte ai cittadini. Stiamo parlando dell’IMU, il cui acconto è in scadenza il 16 giugno, anche se quest’ anno la data slitta al 17 dal momento che il giorno precedente è una domenica. Entro il 16 dicembre invece andrà effettuato il versamento del saldo da parte dei contribuenti.

Imu e pagamento con bollettino
Come effettuare il pagamento dell’IMU con bollettino postale Cellulari.it

Il tutto con la sola esclusione dei proprietari di prime case (ad eccezione di quelle che rientrano nelle categorie signorili/di lusso, per le quali il pagamento dell’IMU è previsto) ed includendo anche aree edificabili e terreni agricoli. Una domanda che in tanti si pongono, a tal proposito, è se vi sia la possibilità di pagare l’IMU con il bollettino postale. Vediamo che cosa prevede la legge.

IMU e pagamento con bollettino postale, è possibile? I dettagli

Pagare l’Imposta Municipale Unica è un obbligo per chi è tenuto a farlo e non rispettare le scadenze espone il cittadino al rischio di ricevere sanzioni. Pur con un certo margine di tolleranza, un lasso di tempo nel corso del quale sia potrà regolarizzare la propria situazione sfruttando il meccanismo del ravvedimento operoso; ovvero versando l’imposta piena insieme ad una sanzione ridotta e agli interessi che, invece, verranno calcolati per ogni singolo giorno di ritardo dalla data della scadenza.

pagamento imu tramite bollettino
Per immobili ubicati in diversi comuni usare altrettanti bollettini IMU (cellulari.it)

Capire quali sono le modalità di pagamento dell’IMU considerate ammissibili è dunque estremamente importante per non incappare in errori. Molti sono a conoscenza della possibilità di pagamento mediante Modello F24 ma in realtà è possibile farlo anche con bollettino postale. Se nel primo caso l’obbligo ricade sia nei titolari di Partita Iva sia per chi vuole utilizzare crediti a compensazione, il bollettino postale si rivela molto utile per tutte le altre casistiche rappresentando dunque una valida alternativa.

Il bollettino postale lo si può ottenere dalle Poste Italiane gratuitamente e su di esso è presente il numero di conto corrente 1008857615, che consente di utilizzarlo nella stragrande maggioranza dei comuni italiani. Occorrerà inserire i medesimi dati previsti per l’F24 ovvero l’anno d’imposta, il numero degli immobili, il codice catastale del comune. E ultimo ma molto importante il codice tributo che identifica il bene sul quale l’IMU andrà pagato. Esiste anche la possibilità che il Comune predisponga bollettini precompilati sui quali è presente l’importo dell’imposta insieme ai dati di colui che dovrà pagarla.

Impostazioni privacy