Oppo Find X5 Pro vs Find X3 Pro, scheda tecnica a confronto dei due flagship Oppo

Oppo Find X5 Pro segna l’esordio della patnership con Hasseblad e di MariSilicon, due carte per superare gli ottimi risultati di Find X3 Pro

Oppo vuole fare sul serio nel settore degli smartphone Android top di gamma e il suo ultimo Find X5 Pro ne è una riprova evidente. Un dispositivo ai vertici della categoria premium, curatissimo nell’estetica e nei componenti interni. Non manca nulla o quasi, seguendo la stessa formula vincente del modello di scorsa generazione. Ma cosa cambia in concreto?

Oppo FInd X5 Pro vs Find X3 Pro
Oppo Find X5 Pro, lo smartphone premium (Screenshot YouTube)

Per le prove sul campo bisognerà attendere le prime recensioni, ma per il momento può essere agevole confrontare le schede tecniche di Oppo Find X5 Pro e Find X3 Pro per apprezzare le differenze. L’impiego della ceramica e del metallo fanno subito capire la forte vocazione premium del nuovo top di gamma di Oppo, così come la scritta Hasselblad sul posteriore a preannunciare sostanziosi miglioramenti a un comparto fotografico già di altissimo livello su Find X3 Pro.

Lo schermo s’ha le stesse dimensioni ed è impreziosito da bordi curvi e tecnologia AMOLED LTPO con risoluzione di 3216 x 1440 pixel, anche se quello del nuovo smartphone top di gamma di Oppo riesce a offrire una frequenza di aggiornamento variabile tra 1 Hz e 120 Hz. La differenza principale è ovviamente il processore: lo Snapdragon 8 Gen 1 è quanto di meglio si possa desiderare per prestazioni e compromesso tra forza bruta ed efficienza energetica, anche se lo Snapdragon 888 (che Oppo ha peraltro utilizzato su Find X3 standard) se la cava ancora benissimo. Cambia anche la batteria, con il nuovo modello dotato di un’unità da 5.000 mAh (4.500 mAh su Oppo Find X3 Pro) compatibile con la tecnologia di ricarica rapida da 80 W e supporto alla tecnologia AirVOOC da 50 W.

Oppo Find X5 Pro e la novità MariSilicon

Oppo FInd X5 Pro vs Find X3 Pro
La ricarica rapida di Oppo Find X5 Pro (Screenshot YouTube)

E poi c’è la fotocamera con le sue caratteristiche riprese dall’Oppo Find X3 Pro e con i necessari miglioramenti hardware e software grazie alla partnership con Hasselblad, che si è occupata della regolazione del colore, e dela nuova unità di elaborazione delle immagini neurali MariSilicon di Oppo (novità assoluta di Find X5 Pro) per l’elaborazione delle immagini AI. Non c’è invece laconica fotocamera microobiettivo vista su Find X3 Pro anche se l’esperienza di Hasselblad e la nuova unità MariSilicon dovrebbero garantire sulla carta scatti ancora migliori.

Nessuna rivoluzione all’orizzonte, insomma, ma un affinamento di un progetto che si è dimostrato vincente. E Oppo punta a fare da terzo incomodo nella sfida tra Apple e Samsung nonostante i prezzi di vendita non propriamente concorrenziali.