Operazione Hitman, cercava assassino online: arrestato

Si è appena conclusa l’operazione Hitman, che ha portato alla cattura e l’incarcerazione di un assassino su commissione.

Dark Web
Cercava Hitman sul Dark Web: arrestato (Pixabay)

Quella che si è appena conclusa per la polizia di Roma è un’operazione davvero importante e incredibile. Infatti proprio le forze dell’ordine della capitale sono riuscite a trovare una falla nella sicurezza informatica e rintracciare dei soldi che avrebbero presto potuto trasformarsi in una ferocissima aggressione, magari anche nella morte di una persona. Perché, infatti, la transazione stava avvenendo tra uno stimato professionista e un assassino su commissione. Un Hitman, come viene chiamato ufficialmente questo tipo di individuo, che stava per essere assoldato per distruggere completamente la vita di una persona, dietro lauto pagamento, ovviamente. La storia è veramente da brividi e certamente non può che spingerci a riflettere sulla sicurezza e su quanto accada online.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Scarpa Adidas, prestazioni e personalizzazione grazie ai mattoncini Lego

Cercava un Hitman online, è stato arrestato

L’uomo in questione, riporta la RAI, è un esperto informatico che gestisce un’importante azienda della capitale. Dopo essersi separato, l’uomo in questione non è riuscito ad andare oltre e ha decido di colpire la sua ex, rovinandole la vita. Ha quindi cercato sul dark web un Hitman, che avrebbe dovuto “bruciare con l’acido e costringere sulla sedia a rotelle” colei che una volta era l’amore della sua vita.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> FlixOnline, scoperto malware Android che si diffondeva tramite WhatsApp

Un problema di sicurezza e una transazione in Bitcoin non andata proprio a buon fine hanno destato l’attenzione dei carabinieri, che hanno intercettato la comunicazione e il pagamento da parte del commissionante. Non ci sono ancora indizi che riescano invece a far individuare il potenziale Hitman. Di certo una notizia sconvolgente, che certamente non può che spingere tutti a riflettere su quanto possa risultare pericoloso il mondo del web, sempre più una realtà parallela in tutto e per tutto alla nostra. Speriamo che sempre più operazioni del genere possano andare a buon fine.