Microsoft, gli aiuti ci saranno fino al 2023: ecco di cosa si tratta

L’azienda di Redmond annuncia (o meglio, rinnova) un impegno molto importante anche per l’anno prossimo, tradotto finora in un valore pari a 400 milioni di dollari

Microsoft tende la mano alla popolazione ucraina, promettendo un sostegno economico per un valore equivalente a circa 100 milioni di dollari.

Microsoft
Lo storico logo di Windows (AdobeStock)

In un contesto di forte incertezza e di difficoltà economica, l’azienda di Redmond rinnova il proprio impegno verso l’Ucraina, perché – come ammesso dal presidente Brad Smith in un commento a margine nel blog ufficiale di Microsoft – “la difesa dell’Ucraina dipende in parte dall’alleanza digitale tra paesi, organizzazioni non profit e aziende”.

Impegno che, come anticipato all’inizio, si riverbererà in aiuti dal valore equivalente di circa 100 milioni di dollari. Tecnologia e servizi gratuiti per il popolo ucraino e il governo locale, come d’altronde accade già da svariati mesi, quando Microsoft e altre società tecnologiche sono scese in campo mettendo a disposizione quella che lo stesso Smith afferma essere “un’assistenza tecnologica senza precedenti”.

Snocciolando qualche numero, l’azienda americana ha finora supportato l’Ucraina con tecnologie pari a 400 milioni di dollari. Senza dimenticare, come forma di “protesta” verso la Russia per aver invaso l’Ucraina, la scelta di Microsoft di sospendere la vendita dei suoi prodotti e servizi in Russia, da Windows alle console Xbox

Aiuti importanti per assicurare, secondo la testimonianza del presidente di Microsoft, “un ruolo fondamentale nella protezione della sicurezza dei dati e dei servizi digitali dell’Ucraina”, minacciati da attacchi al data center del governo ucraino. Grazie alla distribuzione dell’infrastruttura digitale nel cloud pubblico, Microsoft e le altre aziende tecnologiche hanno contribuito a supportare l’Ucraina.

Microsoft e il pieno sostegno all’Ucraina. Le iniziative messe in campo dall’azienda di Redmond

Microsoft
Microsoft rinnova il proprio impegno verso l’Ucraina (AdobeStock)

Il presidente di Microsoft sottolinea i sacrifici fatti molte persone in Europa per sostenere la difesa dell’Ucraina. La guerra, infatti, ha interrotto l’accesso al cibo e rovesciato i mercati energetici. Per questo motivo, il rappresentante dell’azienda di Redmond è fiducioso che l’intervento di Microsoft possa essere presto replicato da analoghe iniziative orchestrate dalle altre società tecnologiche, così da offrire non soltanto un sostegno importante per la popolazione ucraina, ma anche per garantire “la stabilità internazionale e la protezione dei diritti fondamentali in Europa e nel mondo“.

In aggiunta, Microsoft afferma di esser pronta ad aiutare il paese mediante i suoi servizi di cybersicurezza, aiutando organizzazioni no profit e umanitarie che operano in Ucraina, Polonia e nell’Unione Europea.