L’accordo tra Apple e Beats stava per saltare per colpa di… Dr. Dre

Stando a quanto emerso, un video pubblicato da Dr. Dre stava per far saltare l’accordo tra Apple e Beats. Ecco tutti i dettagli sulla vicenda

Ormai nel lontano 2014, Apple ha completato l’acquisto dell’azienda Beats per 3 miliardi di dollari. Fondata dal noto producer e rapper Dr. Dre, questo marchio è riconosciuto in tutto il mondo per la produzione di cuffie e auricolari top di gamma e dalla qualità del suono tra le migliori sul mercato.

apple beats 20220505 cellulari.it
L’accordo tra Apple e Beats stava per saltare a causa di Dr. Dre. È spuntato un racconto della curiosa vicenda (Adobe Stock)

Stando a quanto emerso, però, non tutto è andato rose e fiori. Addirittura l’intero accordo rischiava di saltare per sempre, a causa proprio di Dr. Dre e di un suo video pubblicato. La vicenda è stata raccontata nel dettaglio da Tripp Mickle nel libro “After Steve”.

Tutti i dettagli sulla vicenda che vede protagonisti Apple e Dr. Dre

apple beats 20220505 cellulari.it
Era emerso un video nel quale il noto rapper annunciava l’avvenuta conclusione delle trattative ancor prima della firma sui contratti (Unsplash)

Secondo quanto si legge nel libro “After Steve” di Tripp Mickle, per poco l’accordo tra Apple e Beats saltò nel 2014. Prima che le due società confermassero l’avvenuta chiusura della trattativa, emersero diverse voci. Pare che Apple sia sempre stata attenta alla segretezza, mentre Dr. Dre un po’ meno. Quest’ultimo aveva pubblicato un video dove confermava il tutto, ancor prima che venissero firmati i contratti.

Non in maniera ufficiale, ma quasi. L’ex membro degli NWA si trovava in compagnia dell’attore e cantante Terese Gibson, affermando più volte di essere diventato il primo miliardario hip-hop. Il riferimento era chiaramente all’acquisizione della sua azienda da parte di Apple. Fu il co-fondatore Jimmy Iovine a ricevere una telefonata, dove veniva avvisato che il video era finito erroneamente su Facebook. Secondo quanto raccontato nel libro, il CEO di Apple Tim Cook avrebbe immediatamente chiamato Iovine per una conversazione privata. L’accordo non sarebbe stato annullato, ma il numero uno dell’OEM di Cupertino si dichiarò molto deluso. Alla fine si arrivò comunque ad una conclusione, ma a 200 milioni di dollari in meno rispetto agli accordi iniziali.