La PEC Europea è finalmente realtà: ecco cosa cambia per i cittadini

Una grossa novità che andrà a riguardare anche i cittadini italiani. Dopo anni di lavoro, il progetto PEC Europea è diventato realtà: ecco cosa cambia e come usufruirne subito

Se n’è parlato per tanto tempo, con vari rallentamenti e progressi riguardanti uno dei progetti più importanti in ballo. A distanza di tre anni dall’inizio dei lavori, l’Agenzia per l’Italia Digitale ha comunicato che la PEC Europea è finalmente pronta a diventare realtà. Si tratta di uno standard che renderà effettiva l’interoperabilità dei vari sistemi e servizi.

pec 20220702 cellulari.it
Grazie alla PEC Europea, finalmente diventata realtà dopo tre anni di lavoro, a livello burocratico ci saranno diverse semplificazioni (Adobe Stock)

In questo modo, sarà semplificato – e non di poco – il dialogo tra i Gestori di servizi di recapito qualificato e cittadini, oltre che imprese ed enti governativi degli Stati Uniti. A livello pratico, la modifica riguarda l’utilizzo anche a livello europeo della propria PEC italiana, per uno scambio sicuro di comunicazioni per via elettronica.

PEC Europea, ecco tutto quello che c’è da sapere

pec 20220702 cellulari.it
I cittadini italiani potranno continuare ad utilizzare il proprio indirizzo email personale, con diversi vantaggi anche oltre i confini (Adobe Stock)

Un grande passo in avanti a livello burocratico, che allinea l’Italia al resto dell’Europa.Il processo di standardizzazione ottenuto è di grande valore per l’Europa. Consente, infatti, grazie all’interoperabilità, di ottenere soluzioni di mercato a livello europeo liberamente usabili ed integrabili nei processi digitali di PA e privati, garantendo a ciascuno l’indipendenza sulle singole applicazioni. Il metodo di lavoro utilizzato di dialogo ed apertura ha creato anche una comunità distribuita di tecnici, che potranno nel futuro mantenere aggiornato lo standard” ha spiegato il Direttore reesponsabile della Direzione Pubblica Amministrazione e Vigilanza di AgID Francesco Tortelli. 

Come si può leggere nel comunicato stampa dell’AgID: “La PEC europea consente finalmente il dialogo sicuro tra i Gestori di servizi di recapito qualificato e, di conseguenza, anche quello tra cittadini e imprese e enti governativi degli Stati Membri: vengono infatti certificate le identità dei possessori di un indirizzo di posta certificata, ovunque risiedano nella UE, l’integrità del contenuto nonché data e ora d’invio e ricezione dei messaggi.”