iPhone, non forzare più questa funzione: rischi forti danni al Melafonini

Quando i geniali ingegneri di Apple hanno progettato iOS, colsero subito l’occasione per eliminare comportamenti e schemi di utilizzo che non erano necessari in un moderno sistema operativo, eseguito su hardware strettamente controllato.

Spegnimento iPhone - Cellulari.it 20221025
Spegnimento iPhone – Cellulari.it

Due dei più ovvi sono stati l’uscita dalle app e il riavvio/spegnimento del dispositivo. Tuttavia, tali capacità dovevano rimanere accessibili in qualche modo. Ed ecco una consuetudine che non fa affatto bene al tuo iPhone.

Le app iOS possono ancora bloccarsi o andare fuori fase in modo tale da non poter essere riutilizzate fino a quando l’utente non le chiude forzatamente e i dispositivi iOS possono ancora entrare in stati in cui un riavvio è l’unica soluzione.

Un falso storico

Applicazioni - Cellulari.it 20221025
Applicazioni – Cellulari.it

Quindi Apple ha nascosto queste funzionalità di risoluzione dei problemi. Ora si può forzare l’uscita da un’app iOS bloccata, scorrendo verso l’alto sulla sua miniatura in App Switcher.

Come tanti altri gesti iOS, non è qualcosa che potresti scoprire da solo, anche se Apple lo documenta. La combinazione Riavvia/Spegni da macOS è arrivata anche su iOS, anche se iOS confonde la terminologia.

La documentazione di Apple chiama il processo di premere e tenere premuto il pulsante laterale o in alto fino a quando il dispositivo di scorrimento di spegnimento non appare “riavvio”, anche se è più simile al comando  Spegnimento del Mac, dato che comporta un ciclo di spegnimento.

Infatti, attraverso in Impostazioni > Generale, il comando è Spegni. Se il tuo dispositivo iOS è bloccato, puoi anche forzare il riavvio con una varietà di incantesimi di pulsanti che sono più simili a premere e tenere premuto il pulsante di accensione di un Mac per 5 secondi per spegnerlo bruscamente. Ma non servirà un granché.

Come forzare la chiusura delle applicazioni ogni tot, cinque minuti in senso lato. Ed è un errore. Un grande errore, che troppo spesso gli utenti commettono per sentito dire, un passaparola, una moda che non spacca per niente. Perché?

Perché, erroneamente, si pensa che tale forzatura renderà il Melafonino più veloce. Un falso storico, o più semplicemente: è sbagliato. Le app in background sono in uno stato di basso consumo e utilizzano risorse minime. Tra l’altro, l’interruzione forzata cancella l’app dalla memoria. Riaprendola, iOS deve caricare il codice dell’app dalla memoria flash alla RAM, consumando molta più energia rispetto a quando si porta in primo piano un’app inattiva. Un effetto boomerang da tenere in considerazione nel momento in cui decidiamo quella forzatura contro producente.

L’unica volta che si dovrebbe forzare l’uscita è quando un’app smette di rispondere ai comandi o è scritta così male da consumare troppi cicli della CPU. Non siete ancora convinti? Lo dice anche Apple in un documento di supporto.