Instagram con i pronomi inclusivi, passo avanti per comunità LGBTQ+

Instagram ha annunciato un aggiornamento che aggiunge i pronomi inclusivi alla propria piattaforma. Un modo per essere al passo coi tempi.

Gay pride
Instagram avrà pronomi neutrali (Pixabay)

Ogni giorno, sui social network, la nostra personalità muta, si modella, cambia. Certe volte, purtroppo e per fortuna, quello che vediamo ci rende persone diverse, nel meglio e nel peggio. Alcune volte sono dei post, altre volte dei video, altre ancora dei suoni. Ed essendo in qualche modo lo specchio della civiltà in cui viviamo, anche i social network devono mutare e adeguarsi ai tempi che corrono e che si trasformano ogni giorno. In questo momento storico in particolare, come tutti sanno, la battaglia dei sessi è particolarmente accesa. Tutti vogliono avere pari diritti ed essere riconosciuti per quelli che sono. Senza dubbio avrete sentito parlare dei pronomi neutri e della lotta che in tanti fanno, a favore e a sfavore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Huawei tra tablet e smartwatch: ecco i prodotti in arrivo a giugno

Instagram avrà pronomi neutrali per la comunità LGBTQ+

Instagram

I pronomi neutrali sono quelle parole come “loro“, che vengono usate per indicare qualcuno che non ha un’identità sessuale definita. Che pur essendo nato sessualmente uomo o donna, non si sente a proprio agio in quel corpo e quindi anche con gli aggettivi collegati. In America il movimento LGTBQ+ sta lottando da anni per i pronomi, e ora anche i social media devono prenderne atto e fare un passo avanti per l’inclusività.

FORSE TI INTERESSARTI ANCHE >>> Gli Uffizi contro blogger ed influencer? Interviene l’ufficio stampa

E in tal senso Instagram, che ricordiamo è di Mark Zuckerberg, ha annunciato che in alcuni Paesi saranno disponibili 4 tipi diversi di pronomi tra cui scegliere per farsi identificare dalle altre persone. Un modo per permettere alla propria identità di potersi esprimere nel miglior modo possibile anche sui social network. Non resta che capire quando e come verranno introdotti questi tipi di pronomi anche in Italia, e che tipo di resistenza ci sarà da parte dell’utenza.