Il fascino di Apple spinge gli iPhone: i possessori dei “melafonini” non cedono ad Android

Gli utenti iPhone guardano soltanto agli smartphone Apple secondo l’ultimo report di CIRP

fedeltà Apple iPhone
Cresce il tasso di fedeltà tra gli utenti iPhone (Unsplash)

Apple è il brand con il più alto tasso di fedeltà dei consumatori. Lo rivela un recente studio di CIRP che, sebbene localizzato nel solo territorio degli Stati Uniti, offre contezza del fascino e della suggestività che la “mela” incute (positivamente, si intende) verso gli utenti.

Alla base dell’indagine c’è un calcolo su quante persone hanno finito per acquistare un nuovo smartphone appartenente alla stessa marca, prendendo come periodo di riferimento il triennio. Il rapporto vede contrapposte Apple e alcuni dei brand più diffusi negli Stati Uniti, tra cui Samsung, LG e Motorola.

Ebbene, il risultato appare quasi una sentenza: chi ha acquistato un iPhone ha scelto un nuovo smartphone Apple per sostituire il modello precedente. E i numeri non sono trascurabili: dal 2019 al 2021, il 90% circa dei possessori di iPhone ha cambiato il proprio dispositivo con un altro iPhone, rinunciando alle “sirene” ammaliatrici della concorrenza e, in particolare, a quelle tecnologie che prima dell’uscita di iPhone 14 rappresentavano una prerogativa esclusiva degli smartphone Android, come la frequenza di aggiornamento.

Il successo di Apple appare piuttosto marcato anche alla luce dei risultati raggranellati dai brand concorrenti: Samsung ha un tasso di fedeltà inferiore al 70% (ricordiamo si trattano di dati relativi al solo territorio degli Stati Uniti), mentre LG e Motorola hanno via via perso gradatamente quota.

LEGGI ANCHE>>>Arriva la pubblicità su Telegram, per la gioia di chi gestisce i gruppi (e delle loro tasche)

Apple supera Xiaomi ed è seconda tra i player mondiali degli smartphone

fedeltà Apple iPhone
Secondo IDC, Apple ha nuovamente superato Xiaomi, riprendendosi il secondo posto tra i produttori mondiali degli smartphone (Unsplash)

Sono molteplici i motivi per cui Apple ha un certo fascino nei confronti dei consumatori. Da un lato, può certamente richiamarsi l’ecosistema della “mela” e la comodità (oltre che i vantaggi) determinati dal possedere più prodotti dello stesso brand. Un’altra spiegazione è la considerazione del marchio Apple come sinonimo di lusso, e lo si è visto anche con l’uscita dell’iPhone 14 e quei modelli particolarissimi (e costosi) realizzati da Hermés e altre note aziende della moda. Infine, l’attenzione alla sicurezza.

LEGGI ANCHE>>>Android, non scaricate quelle app: 151 attivano delle incredibili truffe

L’indagine di CIRP si mescola poi con un’altra conquista di cui può fregiarsi l’azienda capitanata dall’addì Tim Cook: il secondo posto tra i principali produttori mondiali di smartphone, avendo Apple superato (almeno a detta dei report di IDC) Xiaomi nel periodo fiscale del terzo quarto del 2021. Samsung resta invece ancora in testa alla graduatoria.