Il curioso caso di OnlyFans: porno sì, porno no. Ma le prostitute insorgono

Ha guadagnato talmente tanto con il porno, da dire basta. E’ questo il curioso caso di OnlyFans, un sito web che offre un servizio di intrattenimento tramite abbonamento, con sede a Londra. I creatori di contenuti possono guadagnare denaro dagli utenti che si iscrivono ai loro contenuti, pornografici, in primis, grazie una politica tutt’altro che restrittiva, che consente agli utenti di condividere le proprie foto semi-nude o completamente in nudo in cambio di una quota associativa mensile. Almeno finora è stato così.

OnlyFans, un sito web che offre un servizio di intrattenimento tramite abbonamento (Adobe Stock)
OnlyFans, un sito web che offre un servizio di intrattenimento tramite abbonamento (Adobe Stock)

Il portale inglese dal 1° ottobre dirà basta ai contenuti sessualmente espliciti, per cui la piattaforma ha avuto un boom di popolarità. Una scelta legata all’incertezza dei finanziatori e dei partner bancari. “Dobbiamo evolvere le nostre linee guida sui contenuti – spiega proprio OnlyFans – per garantire la sostenibilità a lungo termine della nostra piattaforma e continuare a ospitare una comunità inclusiva di creatori e fan”.

OnlyFans ha attirato più di 130 milioni di utenti

OnlyFans, 130 milioni di utenti e 2 milioni di creatori di contenuti in tutto il mondo (Adobe Stock)
OnlyFans, 130 milioni di utenti e 2 milioni di creatori di contenuti in tutto il mondo (Adobe Stock)

La popolarità del servizio di social media è esplosa durante la pandemia poiché prostitute, musicisti e influencer online lo hanno utilizzato per addebitare ai fan l’accesso esclusivo a foto, video e altro materiale. OnlyFans ha attirato più di 130 milioni di utenti. Quella popolarità ha anche portato con sé un ulteriore controllo e OnlyFans si sta posizionando più come un forum per musicisti, istruttori di fitness e chef piuttosto che per le prostitute. Mentre molti dei suoi creatori più famosi pubblicano video di se stessi impegnati in comportamenti sessuali, anche diverse celebrità mainstream come Bella Thorne, Cardi B e Tyga hanno creato account. OnlyFans, ora, sta cercando di raccogliere fondi da investitori esterni con una valutazione di oltre 1 miliardo di dollari. Investitori che non vedono di buon occhio il business pornografico, da qui la netta sterza sterzata.

LEGGI ANCHE >>> Netflix ci va giù pesante: migliaia di utenti rischiano il ban

L’azienda è stata elogiata per aver dato alle prostitute un posto più sicuro dove svolgere il proprio lavoro. Ma il lavoro sessuale ha ancora uno stigma: più di 2 miliardi di dollari di vendite lo scorso anno ed è sulla buona strada per generare più del doppio di quest’anno, mantenendo il 20% di quella cifra. La notizia ha deluso alcune delle prostitute che si sono affidate a OnlyFans. “Silfy – rivela l’autorevole Bloomberg – è una trentenne di Dallas che ha rifiutato di fornire il suo vero nome, iniziando a postare su OnlyFans alcuni anni fa e si affida al sito per pagare le bollette”. Bollette che ora non potrà più pagare visto il cambio di politica di OnlyFans. “Se guardi tutte le promozioni, non ci promuovono affatto – ha detto Silfy sempre sulle colonne – ma ora ho notato un enorme calo in quelli che promuovono le persone che fanno sesso”.

LEGGI ANCHE >>> Mastercard e Visa scaricano Pornhub per violenza e pedopornografia

Il servizio di streaming on-demand ospita già oltre 800 video creati da 100 creatori di OnlyFans, offrendo ai membri un nuovo modo di interagire con creatori come Cheri Fit, Yoga con Taz e Tennis Class con Adi. Tim Stokely, fondatore e amministratore delegato di OnlyFans, ha dichiarato: “Sin dall’inizio del lancio di OnlyFans, siamo stati una prima piattaforma per i creatori, per dare loro un’ulteriore autonomia e potere sui loro contenuti. Il nostro obiettivo è offrire più opportunità di pubblicare i contenuti e più modi per consentire alla nostra community di accedervi”. Seguendo il nuovo OnlyFans ha anche presentato in anteprima la seconda stagione di Unlocked, una piattaforma originale ospitata da Casey Boonstra, che intervista i creatori mentre prendono parte a una serie di mini-avventure. 130 milioni di utenti registrati e 2 milioni di creatori di contenuti in tutto il mondo in gran parte grazie al porno. Chissà se questi numeri aumenteranno con la nuova politica. Chi vivrà, vedrà.