Huawei stupisce con il suo ultimo dispositivo: tutto sul Huawei MatePad Paper

I vantaggi dei display e-ink sono insiti nella loro naturale specificità: vantano e ampi angoli di visione con un assorbimento di corrente davvero basso e un’eccezionale visibilità alla luce del giorno. Huawei la ha capito da un po’, per questo ha deciso di puntarci senza remore.

Huawei 20220427 cell
Huawei – Adobe Stock

La novità maggiore della società di Shenzhen, impegnata nello sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti, di sistemi e di soluzioni di rete e telecomunicazioni, è che il nuovo MatePad Paper esegue HarmonyOS, il che significa che puoi anche caricare app Android su di esso, in barba agli statunitensi.

Huawei MatePad Paper è un dispositivo molto interessante per una serie di motivi e c’è molto da apprezzare. È una miscela perfetta tra un Amazon Kindle e un tablet Android e Huawei lo sta posizionando per essere esattamente quello. Ma migliorato.

La M-Pencil può essere utilizzata per prendere appunti ed è istantanea quando si scrive sul display

Huawei 20220427 cell 2
Huawei – Adobe Stock

Nella confezione Huawei MatePad Paper, inoltre, è disponibile sia la Huawei M-Pencil che la custodia Huawei Folio. Se non si desidera utilizzare il tablet con la custodia a libro, il dispositivo vanta una cornice più grande sul lato sinistro per tenerlo, mentre si usa la mano destra per passare da una pagina all’altra.

La M-Pencil può essere utilizzata per prendere appunti ed è istantanea quando si scrive sul display. Un utente può anche accedere ad AppGallery, il che significa che c’è una selezione piuttosto ampia di app tra cui scegliere e puoi anche installare file APK online. Il tablet stesso viene fornito con una coppia di altoparlanti ottimizzati per la parola e non per la riproduzione di normali media come la musica. Nel segno dei podcast e agli audiolibri, tanto per intenderci.

Altro hardware include il pulsante di accensione che funge anche da sensore di impronte digitali, una retroilluminazione per il display con 32 diversi livelli di luminosità e lo schermo stesso ha una trama simile alla carta. Questo lo rende comodo per scorrere e scrivere, rendendolo un po’ più autentico di un normale tablet. Il bello anche dell’e-ink è che è più facile da usare con l’illuminazione diretta, il che significa che puoi portarlo fuori al sole e non avere problemi di visibilità nell’uso. E’ proprio quel display all’utente un’esperienza molto diversa rispetto a un tipico dispositivo basato su Android.

Il software di Huawei, invece, è stato modificato abbastanza pesantemente per questo display, peccato che la sua interfaccia utente sia stata progettata per essere completamente monocromatica. Un piccolo difetto, per alcuni, il bello (per Huawei) è che non ce ne sono molti altri.

Batteria top, da ben 7250mAh che può infatti rimanere in standby fino a 28 giorni, oppure supportare fino a 12 ore di riproduzione video. All’evenienza, nessun problema: ricarica rapida Huawei SuperCharge da 22,5W, in due ore e mezza è di nuovo carico. Al massimo.

Dulcis in fundo, il prezzo. Il Huawei MatePad 4+64GB costa 249,90 euro, cinquanta euro in più della versione 4+128GB, a 299,90.