Huawei, HarmonyOS potrebbe arrivare a dicembre: la situazione

harmonyos
HarmonyOS è in arrivo su molti device Huawei e Honor (pixabay)

Huawei HarmonyOS potrebbe arrivare sul mercato a dicembre, il sistema operativo dell’azienda cinese si avvicina.

Huawei si sta rialzando, con difficoltà e tra tanti problemi ma lo sta facendo. Il colosso cinese è stato bistrattato e colpito con incredibile forza dagli Stati Uniti d’America e dall’ormai ex presidente Donald Trump. Il politico repubblicano, infatti, ha fatto veramente di tutto per colpire la Cina e sul alto tech per affossare l’azienda con i petali rossi. Con i suoi continui ban, infatti, il marchio non ha potuto più fare affidamento sulla tecnologia e sulle piattaforme che erano importanti per lo sviluppo dei propri dispositivi. Ha infatti dovuto dire addio al suo processore, il Kirin, che utilizzava tecnologia di tipo americana per il funzionamento. Al problema l’azienda sta avviando con la costruzione di uno stabilimento per nuovi processori a Shanghai. Per gli schermi ha giù un accordo con Samsung per comprare dalla Corea del Sud tanti schermi AMOLED, ora serve però un nuovo e perfezionato sistema operativo.

LEGGI ANCHE —> Alien, il nuovo virus che prende il controllo del vostro smartphone

Huawei, HarmonyOS potrebbe arrivare a dicembre: la situazione

Secondo le ultime notizie che filtrano da dalla Cina, durante un evento con alcuni sviluppatori, Huawei avrebbe annunciato l’imminente arrivo di HarmonyOS 2. Parliamo ovviamente del sistema operativo di proprietà del marchio asiatico, che all’inizio era stato denominato Hongmeng OS. Presentato ufficialmente il 9 agosto 2019, ora è lui a far muovere i terminali Huawei, che ha dovuto rinunciare anche a Google e al suo Android. La nuova versione, migliorata e ottimizzate, di questo sistema operativo dovrebbe entrare in fase beta già questo dicembre. Una buona notizia per tutti coloro che apprezzano il design e i prodotti creati da questo marchio e che sperano possa riprendersi e tornare ai fasti di un tempo quanto prima.

LEGGI ANCHE —> Android, problemi per alcuni smartphone: diversi siti non funzioneranno più