Google trema: TikTok utilizzato come un motore di ricerca

Ha dato scacco matto agli alfieri di Mark Zuckerberg: Facebook prima, Instagram poi. Ma la forza di TikTok non è soltanto dei social, sta sfociando anche come motore di ricerca. Che mette in forte discussione la leadership di Google.

TikTok 20220824 cell
TikTok viene usato come motore di ricerca – Adobe Stock

Ad ammetterlo è proprio il colosso di Mountain View. Nel 2021, Google deteneva una quota di mercato globale del 92,47% nella ricerca online mondiale. Tuttavia, la crescente popolarità di TikTok tra il pubblico più giovane per le query di ricerca potrebbe rappresentare una minaccia per la Ricerca di Big G.

Nella conferenza Brainstorm Tech di Fortune 2022, il vicepresidente senior di Google, Prabhakar Raghavan, ha rivelato che, secondo uno studio interno condotto da Google, quasi il 40% dei giovani utenti tra i 18 ei 24 anni negli Stati Uniti preferiva utilizzare “TikTok” o ” Instagram” su “Google Maps” o “Ricerca Google” quando cerchi, per esempio, un ristorante.

Anche le fasce di età più anziane stanno preferendo il modus operandi di TikTok

TikTok 2022082a cell 2
TikTok – Adobe Stock

È possibile che il pubblico più giovane preferisca piattaforme come “TikTok” e “Instagram” invece di “Google” per scopi di ricerca a causa del loro coinvolgimento altamente visivo? La risposta è sì.

Trovare tutto quello che c’è da sapere su un ristorante nelle vicinanze in una clip di 12 secondi è più interessante che leggere più recensioni o un blog lungo 4 minuti. TikTok l’ha scoperto (o inventato, fa lo stesso) prima dei suoi competitor, ha attecchito sulla generazione Z e i frutti della sua strategia sono fioriti da tempo, con annessa raccolta.

I nuovi utenti di Internet non hanno lo stesso tipo di aspettative e la mentalità a cui spesso ci abituiamo“, spiega Raghavan. Un Google preso in contropiede, che deve fare inevitabilmente qualcosa di diverso per reggere il ritmo indiavolato di TikTok.

Anche le fasce di età più anziane preferiscono impegnarsi di più con un mezzo audiovisivo se vogliono imparare qualcosa di nuovo invece di leggere un articolo o un libro.

Inoltre, gli utenti ora hanno tempi di attenzione più brevi e si aspettano consegne nitide di contenuti informativi. Ad esempio, se un utente sta cercando un tutorial per cambiare la gomma di un’auto, è plausibile presumere che preferirebbe una clip di 1 minuto che spieghi gli elementi essenziali invece di una spiegazione più dettagliata su YouTube. Ecco perché YouTube stesso è cambiato con l’arrivo di Shorts, che altro non è che un TikTok, all’americana.

TikTok, però, nel tempo ha migliorato i suoi strumenti di ricerca. Vedi la funzione predittiva del testo, che suggerisce ricerche comuni, ha limitato la necessità per gli utenti di uscire dalla piattaforma. Una semplice query di ricerca di un ristorante nelle vicinanze potrebbe fornire clip per altri dieci ristoranti nella stessa località.

I cinesi hanno fatto il loro passo (da gigante), ora tocca a Google inventarsi qualcosa di nuovo. Oppure imitare (lo sta già facendo) TikTok: d’altronde, veder fare… saper fare.