Google punta sulla realtà aumentata, si lavora a nuovi occhiali smart

Stando a quanto riferisce il New York Times, anche Google sarebbe già al lavoro per dei nuovi occhiali smart

google smart 20211231 cellulari.it
Anche Google starebbe lavorando ad un nuovo prototipo di occhiali smart (Pixabay)

Il 2022 rappresenterà un anno di importante svolta per ciò che riguarda la realtà aumentata. Meta punta forte sul metaverso e, come vi abbiamo spiegato qualche giorno fa, sta lavorando al visore Project Cambria. Discorso simile per Apple, con il suo primo visore che è tra i più chiacchierati da ormai qualche settimana.

Stando a quanto riferisce il New York Times, anche Google sarebbe già al lavoro per un nuovo paio di occhiali. Pare che il device in questione sarà una sorta di evoluzione dei prodotti North, azienda acquistata nel giugno del 2020 da Big G.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Apple non vuole lasciarsi scappare i suoi dipendenti, pronti bonus fino a 180mila dollari

Occhiali smart di Google per la realtà aumentata, le informazioni trapelate

google smart 20211231 cellulari.it
Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo (Unsplash)

Ad oggi, si sa ancora ben poco sui nuovi occhiali smart di Google. Il New York Times si è limitato a lanciare la notizia, mentre Big G per ora non ha ancora commentato. Come detto, il dispositivo in questione potrebbe essere un’evoluzione dei progetti ai quali stava lavorando l’azienda North. Prima dell’acquisizione da parte di Google, era in ballo il lancio dei Focals 2.0. Si sarebbe trattato di occhiali smart con display retinico e proiettore olografico. Gli utenti avrebbero così potuto visualizzare informazioni utili come il meteo e i propri appuntamenti sul calendario direttamente dalle lenti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Meta lavora a Project Cambria, il suo rivoluzionario visore VR: ecco cosa sappiamo

Ed è proprio su questo concept che potrebbe concentrarsi Google, con nuovi smart glasses pensati per un pubblico più ampio. A livello di prezzi, possiamo prendere i Focals 1.0 come punto di riferimento: lancio a 1.000 dollari e ribasso a 599 poco dopo. I prossimi mesi saranno sicuramente molto interessanti, soprattutto per gli appassionati di un settore in costante evoluzione e che potrebbe rappresentare un crocevia importante nel modo in cui noi tutti ci rapportiamo con la tecnologia.