Google Project Wing: Dal 2017 i droni consegneranno i pacchi

Lo scorso anno un video ci mostrava droni Amazon utilizzati per le consegne dei pacchi. Si trattava, come ben ricorderete, di un video pubblicitario. Quello che poteva sembrare fantascienza potrebbe invece diventare realtà a partire dal 2017.

Lo scorso anno un video ci mostrava droni Amazon utilizzati per le consegne dei pacchi. Si trattava, come ben ricorderete, di un video pubblicitario. Quello che poteva sembrare fantascienza potrebbe invece diventare realtà a partire dal 2017.

Google ha infatti dichiarato di voler investire in un progetto per sviluppare droni postini da utilizzare a partire dal 2017 per la consegna di pacchi e corrispondenza a domicilio.

Il progetto è denominato Project Wing ed è stato ufficializzato ieri dal responsabile del progetto David Vos.
Lo scorso anno erano stati condotti alcuni test puramente dimostrativi in Australia, in aree rurali scarsamente abitate dove diversi droni sono stati impiegati per consegnare a domicilio prodotti elettronici, cibo, acqua e perfino cibo per cani.

Secondo il progetto, le prime consegne ultrarapide potrebbero entrare in servizio a partire dal 2017. Grazie a questo sistema, potrebbero essere gestite le consegne ultra rapide, come per esempio Amazon Prime, anche in aree densamente trafficate.

Tecnicamente parlando non ci sarebbero grossi problemi ad estendere questo servizio anche su aree abitate. Resta da capire come gestire le problematiche di sicurezza o l’eventuale problema di droni abbattuti per rubarne il contenuto, con casi già arrivati alla cronaca.

La regolamentazione americana ha già legiferato in merito, applicando dei limiti al tipo di velivoli da utilizzare. Come forse saprete, si tratta di traffico aereo a tutti gli effetti e come tale è considerato dai legislatori di tutto il mondo tanto che in Italia è obbligatorio il brevetto da pilota di aerei leggeri e monoposto.

Negli Stati Uniti, i droni cittadini avranno un limite massimo di peso pari a 25 chilogrammi e non potranno superare i 160 km/h di velocità. Si tratta di limiti comunque molto alti. I droni commerciali attualmente non superano agevolmente i 120 chilometri orari. Il limite di peso di 25 chilogrammi equivale ad un carico utile stimato in 8-10 chilogrammi.

Il mercato dei droni potrebbe diventare un segmento rivoluzionario per i prossimi 5-10 anni. Tanti i possibili utilizzi odierni senza contare che la crescita del mercato andrà a generare risorse e investimenti per la ricerca e lo sviluppo di modelli sempre più funzionali.
L’entrata dei colossi su questo settore di nicchia alla stregua di un hobby porterà sicuramente un grande sviluppo nei prossimi anni.