Google: due funzioni pazzesche, attivandole crollano i consumi

Paura che Google ci lasci al nostro destino? È un timore infondato, perché la Casa di Mountain View pensa sempre a cosa sia meglio per noi. Rilasciare aggiornamenti che mirino a fare questo, dunque, ne è una prova.

E se l’update riguardasse, invece, una applicazione che tutti conosciamo molto bene? A quel punto la questione cambierebbe di molto, perché ci riguarderebbe più da vicino a questo punto. Vediamo, in sintesi, cosa ha subito un cambiamento non indifferente.

Google: due funzioni pazzesche, attivandole crollano i consumi
Gestirla non sarà difficile – Cellulari.it

Non stupiamoci di questo: le big tech migliorano i loro servizi giornalmente. Non importa il settore di cui fanno parte o il motivo del perché avvengano, sta di fatto che gli update sono sempre costanti. Questo, dunque, garantisce un flusso completo di novità sensazionali.

Questo spiega come mai Meta stia aggiornando frequentemente WhatsApp, come anche Instagram dopotutto. Gli stessi motori di ricerca sono soggetti a cambiamenti costanti, che si manifestano in modi differenti e a seconda della patch che viene lanciata in quel momento. Comunque sia, l’incremento di contenuti è assicurato.

Una coppia di nuove features per Chrome: salveranno la vita ai nostri PC

Sta succedendo anche adesso oltretutto, e restando in tema pare che Google abbia deciso di aggiornare ancora di più Chrome inserendole delle funzionalità accattivanti. Erano quelle che mancavano all’appello, quindi non possiano perdercele: cosa aggiungeranno di nuovo, o eventualmente quale opzione verrà modificata?

Google: due funzioni pazzesche, attivandole crollano i consumi
Un’app di Google consuma più del dovuto – Cellulari.it

Vengono apportate principalmente una serie di novità che mirano a ottimizzare il consumo di memoria e batteria generale dei dispositivi. Questo garantirà un miglioramento delle prestazioni e dell’autonomia dei dispositivi, soprattutto dei laptop. Nel menu delle impostazioni, ora, sarà disponibile sezione “Rendimento” che ospiterà le modalità “Risparmio memoria” e “Risparmio batteria”.

Ma come funzionano? La prima si occuperà di liberare memoria RAM schede inattive, garantendo un’esperienza fluida e veloce nella navigazione in sistemi dotati di poca memoria e riducendo anche le risorse hardware sprecate. Una nuova icona a forma di foglia ci indicherà, inoltre, la quantità di memoria in KB liberata dalle schede. Utile per chi vorrebbe tenere sotto controllo il PC.

La seconda, invece, avrà il compito di limitare l’attività in background e la velocità di acquisizione delle immagini del browser, riducendo di molto l’impatto sulla batteria nei dispositivi mobile, come anche i tablet per giunta. Gli effetti visivi, le animazioni e il framerate dei filmati non creeranno nessun problema al nostro device. limitando gli effetti visivi, le animazioni e il framerate dei video.