Google Chat, a breve nuove funzioni disponibili

Google Chat
Google Chat novità messaggi (pixabay)

Per il 16 di novembre sono previste importanti funzionalità per Google Chat. Ecco tutto quello che viene offerto di nuovo

Una novità molto interessante è in arrivo per Google Chat. All’interno delle stanze i messaggi vengono resi molto più flessibili e semplici, il tutto pronto per consolidarsi a partire dal 16 novembre.

La precedete piattaforma G Suite, pochi mesi fa, è stata sostituita da Workspace per cercare di creare un’unica soluzione per lo smart working causa Covid-19. Ora è possibile accedere ad un complesso di app dedicate alla produttività come ad esempio Meet, per le conferenze video, e la piattaforma di messaggistica in oggetto. La nuova funzionalità permette, pertanto, di poter rendere i messaggi delle conversazioni molto più fluidi.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google, se una rata rimane insoluta limita lo smartphone

Google Chat, cosa cambia con la nuova versione

Google Chat
Google Chat novità messaggi (pixabay)

Per le conversazioni un thread, molto spesso lungo a dismisura, si va a creare nella versione precedete ma da ora invece le stanze virtuali permettono di eliminarli di default. Ovviamente è possibile attivarli da impostazioni, se vengono ritenuti necessari.

Lo scopo è quello di rendere tutto molto più fluente e leggero, al fine di migliorare la lettura degli stessi da parte degli utenti. Non si tratta tuttavia di una miglioria retroattiva, perciò i precedenti thread rimangono ancora attivi. Lo scopo dell’azienda di Mountain View è quello di andare a sostituire progressivamente tutto il comparto Office 365 targato Microsoft.

Dal 16 novembre in poi, in 3 giorni al massimo, è stato promesso il rilascio della nuova versione accessibile da parte di tutti. In questo modo, l’obiettivo di un’unica piattaforma di gestione dello smart working, sta diventando sempre più realtà. Inoltre viene consentito l’accesso ad ogni singolo tipo di account, dall’Essentials al Nonprofits.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google Home, una nuova interfaccia