Garante Privacy, dal 2 giugno i cookies devono essere visibili e chiari

Il Garante Privacy ha dichiarato che tutti gli utenti di Internet devono essere più consapevoli e che per effettuare la profilazione pubblicitaria online serve il consenso informato.

Il Garante Privacy ha dichiarato che tutti gli utenti di Internet devono essere più consapevoli e che per effettuare la profilazione pubblicitaria online serve il consenso informato: “Sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale le nuove regole del Garante della Privacy in materia di ‘profilazione’ online. Lo rende noto il Garante, spiegando che le nuove norme sono disegnate per garantire ‘maggiori tutele per gli utenti’, ma sono anche regole più chiare per chi fa profilazione online, a partire dai principali siti web‘”.

E così dal 2 giugno il Garante Privacy ha deciso che i cookies, ossia i piccoli file di testo che i siti inviano ai dispositivi che li memorizzano ritrasmettendoli alla visita successiva, dovranno essere visibili all’utente, il quale, da quel momento potrà stabilire se un sito può utilizzare i suoi dati a fini di profilazione pubblicitaria oppure no. I cookies, infatti, controllano la navigazione a scopi pubblicitari e raccolgono i dati sulle abitudini, le scelte ed i gusti personali degli utenti.

Il Garante ha definito 4 regole per portare l’informativa online per fare in modo che gli utenti siano consapevoli sull’uso dei cookies ed ha determinato le modalità per acquisire il consenso, se esplicitamente richiesto dalla legge.

Perciò, dal 2 giugno quando un utente accede all’home page o altra pagina di un sito, deve comparire subito un banner che deve essere ben visibile e deve fornire in modo chiaro queste informazioni:

  • che il sito in questione sta utilizzando cookies di profilazione allo scopo di inviare messaggi pubblicitari finalizzati alla vendita di prodotti o servizi; in secondo luogo,
  • che il sito consente l’invio di cookies di “terze parti”, ossia quei cookie che sono stati installati da un sito diverso attraverso il sito che si sta visitando;
  • che proseguendo nella navigazione o anche semplicemente accedendo ad un’altra area del sito o attraverso un’immagine o un link, si sta concendendo al sito il consenso all’uso dei cookies.
  • Inoltre deve essere esposto l’utilizzo dei cookies inviati dal sito in modo che l’utente possa, se lo vuole, negare il consenso alla loro installazione, sia direttamente, che collegandosi ad altri siti.

Da un’indagine Doxa Marketing Advice svolta su un campione di 800 persone, si è presentato alla vista un quadro che ritrae una popolazione italiana iperconnessa, consapevole ed anche attenta ai temi della privacy; ma la realtà è che un terzo degli internauti italiani è piuttosto pigro ed ignaro degli ingranaggi del web e non conosce, e neanche legge, le normative sulla privacy quando utilizza un servizio online, poiché lo considera un impegno troppo gravoso.

L’indagine riporta che il 41% degli utenti si considera molto attento ai temi della privacy online, mentre il 32% afferma di avere bisogno di riservatezza anche nelle attività svolte fuori dal web. Chi è più attento alla privacy online, infatti, sembra più prudente anche offline, mentre il 10% non se ne preoccupa affatto.

Per quanto riguarda il tema dei consensi, il 64% degli internauti è a conoscenza del proprio diritto a richiedere la visione dei dati che li riguardano ed il 7% ne ha fatto richiesta, mentre il 72% sa di avere il potere di ottenerne la cancellazione ed il 27% di essi ha fatto uso di questo potere.

In riferimento alla condivisione dei dati personali, 72 intervistati su 100 sono concordi sul fatto che il concetto di privacy si sta evolvendo continuamente.

I cittadini italiani, inoltre, riescono a classificare il tema della privacy solo sommariamente; infatti dall’indagine si rileva che le sfere in cui gli utenti pretendono riservatezza sono le transazioni online ed ebanking, quelli della famiglia e quelli della salute.

Il Presidente dell’ Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, Antonello Soro, in collaborazione con le più importanti associazioni di categoria , come Netcomm, DMA Italia, Fedoweb, UPA e IAB Italia, ha messo a punto questo provvedimento per individuare alcune modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione, ed ha elaborato una guida su cosa è necessario conoscere sugli obblighi dei proprietari o amministratori di siti web e i cookies, che vengono suddivisi in “tecnici” e “non tecnici”, ovvero quelli che hanno la funzione di profilazione pubblicitaria, oppure di statistica, o quelli riguardanti le interazioni con i social network. Questo documento permette agli utenti di essere consapevoli grazie ad informazioni chiare e trasparenti sulle caratteristiche dei cookies ed il loro scopo e grazie al rilascio delle autorizzazioni.

Antonello Soro ha dichiarato che «la vera sfida di oggi è quella di rendere concreti i principi di protezione dei dati, effettiva la trasparenza dei trattamenti e agevole l’esercizio dei diritti degli utenti».

La guida realizzata dal Garante serve sia agli utenti che agli operatori attivi nelle divisioni della pubblicità online, che l’anno scorso ha generato ricavi per circa 2 miliardi di euro con un incremento del 12,7% rispetto all’anno precedente e  nel settore dell’e-commerce che quest’anno dovrebbe raggiungere i 15 miliardi di fatturato con un aumento del 15% rispetto allo scorso anno, in cui un quarto degli italiani ha fatto acquisti sul web.