È allarme su Google Drive: il malware RedLine ruba le password degli utenti

Stando a quanto segnalato dal team di AhLab ASEC, starebbe girando in rete un pericoloso malware chiamato RedLine

malware redline 20220103 cellulari.it
Individuato un nuovo pericoloso malware chiamato RedLine (Unsplash)

Torniamo a parlare di attacchi hacker e possibili minacce per la sicurezza degli utenti in rete. Il 2021 è stato uno degli anni maggiormente presi di mira in questo senso, con centinaia di segnalazioni che si sono susseguite nel corso del tempo. E il 2022, a quanto pare, non sarà da meno.

Stando a quanto segnalato dagli esperti di AhLab ASEC, ad “aprire le danze” ci avrebbe pensato un pericoloso malware chiamato RedLine. Stiamo parlando di un attacco che prende di mira le funzioni di salvataggio automatico delle password salvate nei browser.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google invade la privacy? Sundar Pichai nei guai: può essere interrogato

Come difendersi dal malware RedLine

malware redline 20220103 cellulari.it
Ecco quali accorgimenti mettere in pratica per difendersi nel migliore dei modi (Pixabay)

Si chiama RedLine, ed è la nuova minaccia malware che sta girando in rete. Segnalata dal team di sicurezza di AhLab ASEC, questo pericoloso virus agisce direttamente su un database SQLite presente in tutti i più comuni browser basati su Chromium. L’obiettivo è quello di rubare le varie password salvate dagli utenti, con le conseguenze che potrebbero essere gravissime. E a rendere la situazione ancor più pericolosa, è il fatto che RedLine è in vendita nei forum degli hacker al prezzo di 200 dollari. Pare sia inoltre molto semplice da utilizzare, (quasi) alla portata di chiunque.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Xiaomi 12 è già un successo, registrato un altro incredibile record di vendite

Gli esperti hanno fino ad ora già analizzato alcuni dei casi individuati. L’attacco prende il via attraverso file XXL dannosi, dati Excel almeno all’apparenza. Il tutto viene proposto alla potenziale vittima attraverso un download di file direttamente da Google Drive. Se anche a voi è capitata una cosa simile, il consiglio è ovviamente quello di diffidare. La prudenza può essere una delle armi migliori per evitare ogni tipologia di pericolo in rete. E se volete sentirvi ancora più protetti, anche un antivirus potrebbe fare al caso vostro.