Digitale terrestre: pronti a dire presto addio a questi canali, non si vedranno più

Lo switch off del Digitale Terrestre al DVB-T2 procede a passo spedito. E sono in arrivo brutte notizie per i cittadini residenti in Italia: presto questi canali amatissimi non si vedranno più

La notizia circola ormai da qualche anno, e si appresta a diventare realtà. Il Digitale Terrestre abbandonerà presto le vecchie frequenze in vista dello switch off allo standard DVB-T2. Che porterà ad enormi benefici per i cittadini residenti in Italia, con un’offerta gratuita ancor più vasta e finalmente tutta in alta definizione.

digitale terrestre 20221128 cellulari.it
Il Digitale Terrestre si prepara ad affrontare un nuovo importante cambiamento, dovrebbe arrivare a giorni (Adobe Stock)

Al fine di agganciare le varie novità previste, è però necessario munirsi di un decoder o un TV di ultima generazione. In questo senso, il governo ha messo a disposizione un bonus TV del valore di 100 euro, accessibile a chiunque decida di rottamare un vecchio apparecchio televisivo. Nell’attesa della deadline definitiva, stanno già avvenendo alcuni importanti cambiamenti nella programmazione. Presto alcuni canali tra i più amati non saranno più visibili.

Il Digitale Terrestre dice addio ad altri canali: la lista completa

digitale terrestre 20221128 cellulari.it
Rai 3 e Rai News presto non saranno più visibili, ecco tutti i dettagli sulla modifica (Unsplash)

Lo switch off allo standard DVB-T2 porta a nuove perdite per il Digitale Terrestre. Come annunciato in una nota ufficiale, infatti, presto due canali tra i più apprezzati in assoluto non saranno più visibili: stiamo parlando di Rai 3 e Rai News. “Rai sta affrontando un altro salto tecnologico. A partire dal 15 novembre, nelle tre regioni Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia, Rai 3 in qualità HD è disponibile sul numero 3 del telecomando. Inoltre, anche Rai News 24 è ricevibile in qualità HD. Dal 21 dicembre tale soluzione sarà estesa a tutte le altre regioni” il contenuto del comunicato stampa.

Ovviamente questo non vuol dire che le due emittenti in questione verranno completamente cancellate, ma che più bisognerà munirsi di un TV o di un decoder in grado di agganciare le novità previste dal DVB-T2. Se ancora non lo avete fatto, vi consigliamo di procedere subito con l’acquisto di attrezzature adeguate al cambiamento. Da qui alle prossime settimane sono previste ulteriori modifiche, sia a livello regionale che nazionale. E si parla tanto di cambio di numerazione quanto di qualità di trasmissione. Il tutto in attesa del completamento dello switch off, quando i vecchi TV e decoder saranno sostanzialmente inutilizzabili se si vuole continuare a vedere la televisione gratuita senza problemi.