Digitale Terrestre, ecco cosa fare per verificare il segnale della TV

State avendo problemi con il Digitale Terrestre? Ecco cosa bisogna fare per verificare subito il segnale ricevuto dalla vostra TV

Entro il prossimo anno, il Digitale Terrestre completerà lo switch off allo standard DVB-T2. Aumenta l’offerta gratuita per i cittadini residenti in Italia, con ancor più canali disponibili in alta definizione. Per poter agganciare le varie novità, però, è necessario essere muniti di un TV o un decoder di ultima generazione.

digitale terrestre 20220508 cellulari.it
Se volete effettuare un’analisi del segnale col vostro Digitale Terrestre, ci sono alcuni semplici passaggi da seguire (Unsplash)

In attesa che venga completato l’intero processo, già da qualche mese stanno venendo apportati alcuni importanti cambiamenti. Stando a quanto emerso, soprattutto con le ultime operazioni stanno emergendo problemi di frequenza. Ci sono alcuni semplici passaggi per verificare la ricezione del segnale.

Digitale Terrestre e la verifica del segnale, cosa bisogna fare

digitale terrestre 20220508 cellulari.it
Ci sono alcune soluzioni alternative, nel caso il vostro decoder o Smart TV non ricevano bene il segnale (Unsplash)

Per poter usufruire dell’offerta del Digitale Terrestre col massimo della qualità possibile, è necessario disporre di un buon segnale. Chiaramente più questo è basso, maggiori saranno i problemi per i cittadini. Se volete verificare la ricezione, potete farlo in pochi passaggi tramite il vostro TV o decoder. Per prima cosa, prendete il telecomando e cliccate il tasto Menu. Qui, a seconda della marca, dovrebbe spuntarvi una sezione dedicata alla Sintonizzazione dei canali, con in allegato la voce legata al Segnale.

Aprendola dovrebbero spuntarvi tutte le informazioni in merito alla ricezione nella vostra zona. Ci sarà una striscia che si avvicina al 100%, più o meno in base alla qualità del segnale. Se notate che la percentuale è molto bassa, il consiglio è di procedere per cercare di risolvere la situazione.

Tra le possibili mosse, c’è la risintonizzazione dei canali tramite il menu dedicato. Se non si risolve nulla, potrebbe essere necessario acquistare un nuovo cavo o un’antenna compatibile col DVB-T2. Sarebbe meglio chiamare un antennista per questo tipo di operazioni. Ma potrebbe anche bastare un semplice amplificatore del segnale: ce ne sono tantissimi acquistabili anche a cifre basse, che potrebbero cambiare l’intera esperienza.