Deepfake, scovato un bot su Telegram che elimina i vestiti

deepfake
deepfake (pixabay)

Deepfake, la lotta al cyberbullismo continua su Telegram e recentemente è stato scoperto un bot che elimina i vestiti tramite l’intelligenza artificiale

Deepfake recentemente su Telegram, Repubblica ha pubblicato una sconcertante novità nel mondo del cyberbullismo. A quanto parte esiste un bot in grado letteralmente di “spogliare” le persone. Tutto è reso possibile grazie all’AI.

L’intelligenza artificiale è in grado di eliminare i vestiti di dosso e sono moltissime le donne che hanno subito questa sorte. Purtroppo molte foto sono state anche condivise su numerose chat di dominio pubblico, creando nomee infondate.

Il bot lavora in automatico semplicemente fornendogli una foto della malcapitata ed il gioco è fatto. Purtroppo è un’arma molto usata da chi vuole sbeffeggiare ex partner oppure qualche d’una a cui si vuole arrecare danno.

La facilità di elaborazione ne sta incoraggiando l’utilizzo su Telegram da parte di chiunque, anche chi non è esperto di foto ritocco.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Cyber-crimine, attacchi in crescita secondo il Rapporto Clusit 2015

Deepfake, su Telegram è scoppiata la condivisione di foto senza vestiti

deepfake
deepfake (pixabay)

Tutto questo lavoro da parte del bot attraverso Telegram si sta traducendo in 100 mila vittime, tra le quali anche molte VIP ed influencer, solo dalle prime analisi. Tuttavia sono molte anche le ragazze non famose come compagne di scuola, di lavoro ed ex fidanzate vittime del deepfake.

Purtroppo questo non è tutto. Difatti è molto facile accedere a qualsiasi immagine perché, in quanto al bot serve solo una foto, quelle pubblicate suoi social espandono di molto il raggio d’azione.

Si tratta di un servizio totalmente gratuito e che, dopo l’invio della foto, la rispedisce ritoccata senza vestiti. Agli occhi dei meno attenti o a chi dedica un rapido sguardo non si vede la modifica, ma controllando con attenzione si riesce a scovare il deepfake.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Safer Internet Day, i big parlano ai giovani