BlastDoor, l’ingrediente segreto di iOS 14 che protegge l’app iMessage

Apple ha inserito su iOS 14 una ulteriore modalità sandbox che protegge l’app iMessage: si tratta di BlastDoor.

BlastDoor sicurezza iMessage
(AdobeStock)

Apple è da sempre in prima fila quando l’oggetto del contendere verte sulla sicurezza dei dati e la recente aggiunta implementata all’interno del sistema operativo mobile iOS 14 ne è d’altronde una riprova evidentissima. Come illustrato in queste ore da Samuel Groß – ricercatore impegnato nel Project Zero di Google – la società californiana ha infatti inteso potenziare l’efficacia della sua app Messaggi, inserendo un innovativo meccanismo di sicurezza denominato “BlastDoor“.

Il funzionamento dell’appena menzionato sistema di sicurezza è abbastanza agevole, in quanto trattasi di una vera e propria modalità sandbox, il cui obiettivo è quello di proteggere iOS da eventuali storture presenti all’interno dell’app Messaggi. In buona sostanza, il codice dell’applicazione è slegato dal sistema operativo mobile di Apple (utilizzato su iPhone e iPad) e questo ha il pregio di garantire un livello di protezione indubbiamente efficace dei dati dell’utente.

BlastDoor ha il compito di raccogliere tutti i messaggi in arrivo, ispezionarne il contenuto – al fine di controllare la presenza di eventuali exploit malevoli – decomprimerli e inserirli dentro un pacchetto posizionato in un ambiente sicuro e totalmente a sé stante da iOS: di conseguenza, nessun codice malevolo nascosto dentro un messaggio potrà riuscire a scalfire la sicurezza dei dati dell’utente, stante per l’appunto l’impossibilità ad accedere direttamente al sistema operativo mobile di Apple.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> FaceTime registra boom di utenti: record di chiamate a Natale

Le app Apple integrano già meccanismi sandbox

SandBox sicurezza iOS 14
(AdobeStock)

Lo sviluppatore ha esaltato la recente aggiunta implementata dal produttore di Cupertino, che di fatto va ad archiviare i punti critici di iMessage, potenziandone conseguentemente l’efficacia: in precedenza, sarebbe stato infatti sufficiente inviare messaggi malevoli (finanche contententi foto e video) ad un iPhone al fine di prendere il controllo di quest’ultimo, squarciando la sicurezza dei dati dell’utente. Tale stortura è stata spesso sfruttata in passato dagli hacker, con evidenti ripercussioni a danno dei consumatori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rimodulazioni Vodafone, nuovi aumenti dal 23 marzo: ecco cosa cambia

Bisogna aggiungere ulteriormente che Apple ha da sempre integrato molteplici meccanismi sandbox all’interno delle applicazioni proprietarie, eppure BlastDoor si staglia come una ulteriore aggiunta relegata esclusivamente a iMessage.