Bill Gates ha scelto la location: dove sorgerà il suo primo reattore nucleare

Una startup come tante altre, se non fosse che il suo fondatore risponde al nome di Bill Gates, imprenditore, programmatore, informatico e filantropo statunitense, il papà di Microsoft, semplicemente uno dei personaggi più potenti, ricchi e famosi al mondo.

Reattore nucleare (Adobe Stock)
Reattore nucleare (Adobe Stock)

TerraPower, nata con il chiaro intento di rivoluzionare i progetti per i reattori nucleari, ha scelto la sua location, per sperimentare a che punto è il suo sviluppo. Ha scelto Kemmerer, il capoluogo della Contea di Lincoln nello Stato del Wyoming, con meno di tremila abitanti.

Qui Bill Gates ha deciso di costruire il suo primo reattore dimostrativo, che dovrebbe essere ultimato entro il 2028, come conferma la CNBC. La costruzione dell’impianto verrà affidata a duemila lavoratori, come ha affermato il CEO di TerraPower, Chris Levesque, in una video call della scorsa settimana.

Migliaia di posti di lavoro e un investimento da quattro miliardi di dollari

Centrale nucleare (Adobe Stock)
Centrale nucleare (Adobe Stock)

Fornirà nuovi posti di lavoro nel settore dell’energia pulita a una regione dominata dall’industria del carbone e del gas. Oggi, una centrale elettrica locale, una miniera di carbone e un impianto di lavorazione del gas naturale insieme forniscono più di 400 posti di lavoro, un numero considerevole per una regione praticamente deserta, visto che ha solo circa 3.000 residenti.

LEGGI ANCHE >>> Operazione “The Jackal”, scoperto il gruppo criminale che rubava carte di credito dai portalettere

La nuova industria che arriva in qualsiasi comunità è generalmente una buona notizia”. William Thek, Sindaco della sconosciuta, fino a oggi, Kemmerer, finisce inevitabilmente sotto la luce dei riflettori: “La maggior parte delle nostre città vicine sono a 50 miglia o più da Kemmerer – spiega – nonostante ciò i lavoratori percorrono ogni giorno questa distanza per lavorare nella nostra zona”.

LEGGI ANCHE >>> Apple Podcasts in cima alle classifiche in pochi giorni: App Store falsifica le valutazioni?

Per TerraPower la scelta di Kemmerer è una decisione figlia di fattori geologici e tecnici, come le condizioni sismiche e del suolo. “E il sostegno della comunità” conferma Levesque. Una volta costruito, l’impianto fornirà un carico di base di 345 megawatt, con il potenziale per espandere la sua capacità fino a 500 megawatt.

Nel complesso, l’impianto nucleare costerà qualcosa come 4 miliardi di dollari, con una vita stimata di 60 anni. La metà di quei soldi è un investimento diretto di TerraPower, gli altri saranno messi a disposizione da Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, l’Advanced Reactor Demonstration Program. “È un contributo statale molto serio – sottolinea il CEO di TerraPower – ma ciò era necessario, perché il governo degli Stati Uniti e l’industria nucleare americana erano in ritardo nella corsa al nucleare”.

Un gigawatt di energia, o 1.000 megawatt, può alimentare una città di medie dimensioni e una piccola città può funzionare con circa un megawatt, secondo una regola empirica fornita dal co-fondatore di Microsoft, Bill Gates naturalmente, in uno dei suoi recenti libri: (“Come evitare un disastro climatico. “Gli Stati Uniti usano circa mille gigawatt, mentre il mondo ne ha bisogno di cinquemila”.

Grazie alla partnership con Hitachi, TerraPower utilizzerà la nuova tecnologia nucleare Natrium, un tecnica innovativa. Che impiega un reattore al sodio per produrre calore in grado di essere usato sia per generare elettricità immediata sia per essere mantenuto in in riserve di stoccaggio termico per ore. Come refrigerante, al posto dell’acqua, sarà adoperato il sodio metallico liquido.