Attacco hacker su scala globale, il web è sotto attacco: cosa succede [AGGIORNATO]

Un attacco hacker su scala globale sta colpendo in questi minuti i principali siti governativi e di informazione. Ecco cosa sta succedendo

attacco hacker
Attacco hacker su scala globale, centinaia di siti colpiti (Pixabay)

L’allarme è scattato proprio in questi minuti. Un potentissimo attacco hacker sta colpendo in questi minuti migliaia di siti di informazione e governativi su scala globale. Presi di mira il portale del governo britannico, colossi come il New York Times, il Financial Times, Spectator e Guardian. Anche network televisivi come la Cnn Spectator sono al momento irraggiungibili.

Come segnalato da La Repubblica, le segnalazioni stanno arrivando in questi minuti da diverse parti del mondo. Il messaggio è sempre lo stesso: errore di connessione e pagine bianche dei siti più popolari. Andando sul Guardian spunta unicamente la frase “Connection failure“, mentre sul New York Times e sul Financial Times giganteggia “Fastly error: unknown domain. nyt.com“. Stesso discorso per gov.uk, con l’avviso “Error 503 Serie Unvailable“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Malware, scoperta a trafficare col Trickbot: rischia 87 anni di carcere

Attacco hacker, segnalazioni da ogni angolo del mondo

disservizi WindTre attacco hacker
Ecco cosa sta succedendo in questi minuti (PixaBay)

Siti di informazione, governativi ma non solo: l’attacco hacker di questi minuti sta colpendo tutto il web su scala globale. Come segnalato a più riprese, i principali organi non caricano, con unicamente avvisi di errore e impossibilità di connettersi. Oltre ai vari New York Times, Financial Times e Guardian, anche siti europei come El Mundo, The Verge e Le Monde non caricano. In Italia down per qualche minuto il sito del Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport. Ma non è finita qui! Malfunzionamenti segnalati anche per altri grandi colossi come Amazon, Reddit, Twitch e GitHub.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Google Maps, questa funzione previene dei pericolosi tamponamenti

Gli errori sono diversi: dalla mancata connessione del server (Error 503) al non riconoscimento del dominio. Un problema su scala mondiale, che riguarda tanto i siti americani quanto quelli europei. Secondo quanto riferisce Il Messaggero, il problema alla rete sarebbe dovuto al CND, ovvero al Content Delivery Network. Molti siti ancora non sono accessibili, mentre altri vanno e vengono. Il cloud computing americano Fastly ha comunicato sul proprio sito ufficiale che si sta indagando per capire cosa sia successo.

AGGIORNAMENTO – Alle 13.10 circa, ora italiana, la maggior parte dei siti web e dei servizi coinvolti sembra essere nuovamente online.

AGGIORNAMENTO#1 – Emergono ulteriori ragguagli in merito all’accaduto. Contrariamente alle originarie ipotesi avallate dalla maggior parte dei quotidiani online, l’importante malfunzionamento dei vari siti web non è in alcun modo riconducibile ad un attacco hacker, bensì a problematiche interne alla CND di Fastly, ossia il gestore cloud sul quale si appoggiano svariate piattaforme, grandi e piccole. Tramite una nota diffusa su Twitter, la stessa società ha infatti confermato che nessun dato è stato sottratto e che dietro ai disservizi non si cela alcun attacco hacker, come invece anticipato dalla totalità del web. Una buona notizia dopo gli attimi di panico registrati nelle scorse ore.