Arriva (finalmente) Yep: Google ha il suo nuovo competitor

Un motore di ricerca web generico, disponibile in tutti i paesi e nella maggior parte delle lingue del mondo. In realtà se ne parlava da circa anni, ma a quanto pare Ahrefs di Dmitry Gerasimenko è riuscito a trovare i fondi e sviluppare un qualcosa che potrebbe essere il nuovo competitor di Google.

Yep 20220609 cell
Yep il nuovo competitor di Google? – Adobe Stock

Il noto fornitore di set di strumenti SEO aveva annunciato l’intenzione di costruire il proprio motore di ricerca già nel 2019, ma vuoi per le difficoltà in tema di reperimento di fondi, vuoi per la pandemia da Coronavirus, tutto è slittato. Finalmente lo status quo è cambiato.

Ahrefs ha investito 60 milioni di dollari per il suo Yep, un progetto molto ambizioso, che mira in alto, ma per il momento si potrebbe pensare a un’alternativa a Google, grazie a due basi solide su cui trovare l’altezza della situazione.

Privacy e partecipazione agli utili: i capisaldi di Yep

Google 20220609 cell
Google – Adobe Stock

La parola chiave per competere, di questi periodi, è la privacy. Ecco, in tal senso, Yep non raccoglierà informazioni personali, come la geolocalizzazione, il nome, l’età o il sesso per impostazione predefinita, né la cronologia delle ricerche verrà archiviata.

Ciò su cui Yep farà affidamento sono le statistiche di ricerca “aggregate”, nate per migliorare algoritmi, correzioni ortografiche e suggerimenti di ricerca. “In altre parole – si spiega il fondatore nonché CEO, Dmytro Gerasymenko – salviamo determinati dati sulle ricerche, ma mai in un modo identificabile. Ad esempio, terremo traccia di quante volte viene cercata una parola e della posizione del link che riceve il maggior numero di clic. Ma non creeremo il profilo di un utente per la pubblicità mirata“.

Quello che Yep si prefigge di utilizzare è alla stregua di un ricercatore: parole chiave inserite. Preferenza della lingua ricevuta dal browser. Area geografica approssimativa all’origine della ricerca alla scala di un paese o di una città, dedotta dall’indirizzo IP dell’utente.

Se la privacy è la priorità assoluta di Yep, un ruolo altrettanto importante la distribuzione degli utili. Un modello di partecipazione agli utili 90/10, in cui Ahrefs condivide il 90% dei suoi profitti pubblicitari con gli editori di contenuti.

Il motivo è di facile comprensione: Google visualizza i contenuti nei suoi risultati di ricerca, senza la necessità di fare effettivamente clic sul sito web. Ciò significa che portali alla lunga perdono traffico, equivalente per molti di meno entrate.

I creatori che rendono possibili i risultati di ricerca meritano di ricevere pagamenti per il loro lavoro – assicura Gerasymenkoabbiamo visto come il modello di partecipazione agli utili di YouTube ha fatto prosperare l’intero settore della produzione di video. Dividendo i profitti pubblicitari 90/10 con gli autori di contenuti, vogliamo dare una spinta a trattare i talenti in modo equo nel settore della ricerca“.