Apple vs Epic Games, sospesa l’ingiunzione: ecco cosa accadrà adesso

Nuovi sviluppi nella causa Apple vs Epic Games: la Corte ha accolto l’appello del gigante di Cupertino, sospendendo l’ingiunzione. Ecco cosa accadrà adesso

Apple vs Epic Games
Nuovo colpo di scena nella battaglia legale tra Apple ed Epic Games (Screenshot YouTube)

Un nuovo capitolo arricchisce di dettagli la battaglia legale tra Apple ed Epic Games. E come una serie TV avvincente e dal finale ancora tutto da scrivere, non mancano i (clamorosi) colpi di scena. La difesa preparata dai legali del gigante di Cupertino ha prevalso (seppur momentaneamente) sulla controparte, ribaltando l’esito della sentenza di primo grado. Che, come ormai noto a tutti, aveva obbligato Apple ad “aprire” il suo App Store, con particolare riguardo ai sistemi di acquisto in-app. Dal lato opposto, Epic Games era stata condannata a versare il 30% di quanto guadagnato grazie al sistema di pagamento proprietario per gli acquisti in-app, avendo il fondatore di Fortnite violato il contratto con Apple e perciò provocato una responsabilità contrattuale.

E invece ecco il coup de theatre che non ti aspetti. In sede di reclamo, il colosso statunitense è riuscito ad ottenere la sospensione dell’ingiunzione, bloccandone di fatto l’efficacia e determinando un ripristino dello status quo. Tutto sarà rimesso ai prossimi mesi, o quantomeno fintantoché il tribunale non prenderà definitiva posizione sulla lite tra Apple ed Epic Games.

LEGGI ANCHE >>> Apple ultima iOS 15.2: fra le novità ce n’è una sorprendente

Niente modifiche all’App Store, almeno per il momento

Apple vs Epic Games
Apple continuerà a mantenere l’esclusiva negli acquisti in-app, almeno per ora (Unsplash)

Nel ricorso in appello, la Corte ha accolto la richiesta di sospensione dell’ingiunzione avanzate dalla compagine rappresentata dall’addì Tim Cook, precisando che “Apple ha dimostrato che il suo ricorso solleva seri dubbi sulla sentenza originale”. Il resto è conseguenza ampiamente anticipata nelle righe precedenti: Apple potrà continuare a gestire l’App Store per come ha fatto finora, imponendo agli sviluppatori l’utilizzo esclusivo del suo sistema di acquisto in-app, con tutto ciò che esso comporta in termini di commissioni da versare nelle casse del sodalizio americano.

LEGGI ANCHE >>> Ci risiamo: tremano tutti, Canone RAI obbligatorio anche per smartphone e altri device?

La battaglia legale tra Apple ed Epic Games è destinata dunque a trovare ampio spazio anche nel prosieguo dopo il pronunciamento del giudice distrettuale Yvonne Gonzalez-Rogers. La sospensione resterà in vigore in attesa della definizione del ricorso, che entrerà di fatto nel merito della vicenda. Ma per il momento a festeggiare è Apple.