Apple pubblica la lista di “App Imperdibili”, ma c’è una grande esclusa

Nelle scorse ore, Apple ha aggiornato la sua lista di “App Imperdibili” su App Store. Ma c’è una grande esclusa nell’elenco

L’App Store di iOS è, insieme al Play Store di Google, la più grande raccolta di applicazioni disponibili nel settore del mobile. Tutti gli utenti possessori di un iPhone possono accedere ad un vastissimo catalogo, diviso per categorie e prezzi. Per aiutare nella scelta del giusto software, ci sono poi alcune liste preimpostate.

app store 20220405 cellulari.it
Nella nuova lista aggiornata di “App Imperdibili” di Apple, risultano alcune escluse eccellenti (Adobe Stock)

Una di queste è “App Imperdibili”, composta da 33 app e che raccoglie quelli che sono considerati i software migliori e che non possono mancare su un iPhone. Nelle scorse ore c’è stato un importante aggiornamento in questo senso che, come notato da diversi utenti, ha alcuni assenti eccellenti

Nella lista delle “App Imperdibili” di Apple non c’è Meta

app store 20220405 cellulari.it
Mancano per esempio tutti i servizi di Meta come Instagram e WhatsApp, ma anche altri colossi come Netflix e Spotify. Sono le aziende che hanno avuto scontri con Apple (Adobe Stock)

Su 33 applicazioni presenti nella lista delle “App Imperdibili”, non possono mancare servizi come TikTok, Telegram e Snapchat. Stiamo parlando probabilmente dei software maggiormente scaricati ed utilizzati dagli utenti possessori di un iPhone, vista la loro utilità e la mole di persone che ogni giorno li utilizza. Come fatto notare da molti, però, con l’ultimo aggiornamento sono state rimosse alcune app a sorpresa. Nessuna di quelle in elenco appartiene infatti a Meta, e dunque non troviamo Instagram, Facebook, Messenger e WhatsApp. In realtà non stiamo parlando di un attacco diretto all’ecosistema di Zuckerberg, considerando che anche altri colossi come Spotify e Netflix non figurano.

Ma per quale motivo è avvenuto tutto ciò? Molto semplice. Sono tutte app che in passato hanno avuto scontri con l’OEM di Cupertino. L’azienda ha deciso di metterle in secondo piano, almeno in questa lista. Spulciando meglio l’App Store, infatti, vediamo come in altre playlist siano presenti. Per esempio tutti i servizi di Meta si possono trovare all’interno della sezione “Migliori gratuite”, e non solo. Fa comunque discutere l’esclusione da una vetrina così importante come quella delle app imperdibili.